Petizione Coisp, rimuovere il monumento a Giuliani: onora un aggressore

Petizione Coisp, rimuovere il monumento a Giuliani: onora un aggressore

07pol2-sotto-GIULIANI-Carlo-cippo13GENOVA – “Quel monumento in memoria di Carlo Giuliani significa avallare il ragionamento in base al quale merita un tributo chi si comporta contro le regole di uno Stato Democratico”: così il Coisp (coordinamento per l’indipendenza sindacale delle forza di polizia) nei confronti della lapide sistemata in piazza Alimonda in memoria di Carlo Giuliani, ragazzo ucciso il 20 luglio del 2001 in Via Tolemaide durante gli scontri del G8.

A seguito di tale vicenda, l’agente che aprì il fuoco contro Giuliani – l’ausiliario Mario Placanica, in congedo dal 2005 – fu indagato per omicidio ma la Corte lo prosciolse per legittima difesa e uso legittimo delle armi: chiara, secondo i giudici, l’intenzione di Giuliani di voler offendere l’agente con l’estintore che stringeva tra le mani.

In ricordo del ragazzo è sorto un monumento ma il Coisp proprio non lo vuole ed ha avviato una raccolta firme su Avaaz affinché venga rimosso: “Vogliamo sapere, quale valore, quale ideale, quale sacrificio rappresenta nella memoria del Paese il giovane Carlo Giuliani. Vogliamo una spiegazione dalle Istituzioni genovesi di come si sia giunti a posizionare un monumento di granito con una targa dedicata a lui, in piazza Alimonda, a Genova, onorandolo a seguito della sua morte, avvenuta durante gli scontri gravissimi del G8 del 2001 mentre con un estintore si stava scagliando contro dei carabinieri. Riteniamo che i cittadini, oltre che le Forze dell’Ordine, abbiano bisogno di risposte chiare e dirette, affinché si sappia quali pensieri passano nelle menti di chi ricopre incarichi istituzionali e quale genere di considerazione abbiano per le Forze di Polizia, che genere di rispetto abbiano per la legalità e quanto conti per loro la sicurezza dei cittadini”.

Sono circa 9900 le firme già raccolte per far rimuovere la struttura, che secondo il Coisp è deleteria “perché bisogna EVITARE che il posizionamento di un monumento alla memoria di Carlo Giuliani, morto mentre con un ‘estintore’ stava attaccando dei Carabinieri durante gli scontri accaduti a Genova il 20 luglio 2001 durante il G8, significa onorare una persona che in Piazza Alimonda partecipava – insieme ad altri – all’aggressione contro un appartenente alle Forze dell’Ordine che era in pericolo di vita”.

Davide Lazzini
10 luglio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook