Roma, bambino di 4 anni cade nel vano ascensore della metro e perde la vita

Roma, bambino di 4 anni cade nel vano ascensore della metro e perde la vita

ROMA – E’ morto un bambino di quattro anni dopo essere precipitato nel vano ascensore della stazione Furio Camillo della metro della Capitale. Premettendo che non sono ancora del tutto chiare le dinamiche della tragedia, dalle primissime ricostruzioni – la notizia è di pochi minuti fa – si comprende che il bambino, accompagnato dalla madre, stava aspettando al piano strada l’ascensore per scendere sulla banchina. A quel punto si sono aperte le porte, l’elevatore non era ancora arrivato al piano, e il bimbo è corso dentro ed è precipitato per circa 10 metri. Inutili i soccorsi: quando i vigili del fuoco sono scesi nella tromba dell’elevatore, il corpo del bambino era già senza vita.
“La dinamica è strana – dice l’assessore alla Mobilità, Guido Improta – Sicuramente c’è stato un errore dell’agente della stazione che ha posto in essere una procedura che non doveva, forse perché c’erano condizioni di difficoltà e alla fine c’è stata la tragedia. L’ascensore bloccato è stato affiancato da un altro ascensore e si è cercato di fare un trasbordo delle persone attraverso una botola. Una procedura non codificata”. Sul posto si è recato anche il sindaco di Roma Ignazio Marino che in questi minuti sta parlando con la mamma della vittima.
Per il momento l’azienda dei trasporti comunica che la fermata della metro resterà chiusa e, con un tweet, consiglia di usufruire delle fermate di Ponte Lungo e Colli Albani.
Mirko Olivieri
9 luglio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook