Operazione “Heavy wheel”: arrestato noto boss in vacanza in Sardegna

Operazione “Heavy wheel”: arrestato noto boss in vacanza in Sardegna

Reparto prevenzione crimine Polizia Abbasanta nuove autoORISTANO – L’operazione “Heavy wheel” condotta dalla magistratura romana si è spostata fino alla Sardegna, portando all’arresto di Marcello Freddi, noto boss romano di 61 anni, che si trovava in vacanza in un noto resort di Arborea (Oristano). All’alba di martedì scorso, su disposizione del Gip del Tribunale di Roma, gli uomini della squadra mobile coordinati dal dirigente Dario Mogiovì  lo hanno arrestato durante la sua vacanza in Sardegna, con la moglie. L’uomo è stato definito dalla Questura come “pericoloso criminale sotto indagine per traffico d’ingenti quantità di sostanza stupefacente in concorso con altri”, la quale ha dato la notizia dell’arresto solo oggi, per consentire agli inquirenti romani di dare esecuzione di analoghe misure cautelari nei confronti dei complici di Freddi. In manette, infatti, sono finiti anche Raffaele Purpo, romano di 50 anni, e Evandro Frasca,  romano di 38 anni. Mario Di Savino invece, cittadino di nazionalità francese, di 57 anni, è tuttora latitante.

L’uomo è considerato il leader di una banda di trafficanti di droga che aveva la base operativa nella zona est di Roma. Al momento dell’arresto non ha opposto alcuna resistenza ed è stato accompagnato dalle forze dell’ordine prima in Questura, dove si sono compiuti tutti gli atti del caso, successivamente è stato trasferito alla casa circondariale di Massama in attesa delle indicazioni del Tribunale di Roma. Un’operazione precisa la Polizia eseguita nella massima sicurezza, senza mettere a repentaglio l’incolumità e la tranquillità dei vacanzieri della struttura ricettiva.

L’operazione “Heavy wheel” prende avvio a seguito di un controllo di due cittadini francesi, effettuato nell’area di servizio Mascherone Ovest dell’autostrada A1, trovati in possesso di una ingente somma di denaro occultata all’interno di un pneumatico mascherato da ruota di scorta. I due stavano maneggiando la ruota della loro auto, troppo grande e pesante per l’alloggiamento nella loro Citroen, al suo interno, infatti, i militari hanno rinvenuto 12 involucri di cellophane, contenenti 242 mila euro, provento della vendita dello stupefacente. Da quel momento sono scattate le indagini e gli accertamenti delle Squadre Mobili e della Squadra di P.G. della Polstrada di Roma che hanno consentito di smantellare l’intera organizzazione criminale. L’attività investigativa ha permesso di verificare la presenza del gruppo criminale con base logistica sulla Tiburtina, che col tempo aveva costruito una fitta rete capillare di rapporti con spacciatori della periferia romana. Portando così all’arresto del pericoloso boss della Magliana, Marcello Freddi.

Marilena Tuveri
9 Luglio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook