Rom inseguono e pestano giovane coppia in Veneto

Rom inseguono e pestano giovane coppia in Veneto

romROVIGO – Venerdi sera un gruppo di rom ha aggredito un ragazzo e una ragazza di 21 e 18 anni dopo averli inseguiti in auto lungo alcune vie nei pressi della pineta di Rosolina Mare. I due giovani, fidanzati, intorno alle 22 hanno lasciato il ristorante in cui avevano appena festeggiato il compleanno del padre del ragazzo e con la loro auto si sono diretti verso il Mivida, un discopub della zona attualmente chiuso. Giunti al parcheggio del locale, però, il ragazzo ha riferito di aver visto numerose auto e roulotte posteggiate, contornate da un nutrito gruppo di persone.

Tra queste, ha riferito il giovane, “uno, alto e magro, ci ha guardato male” e in un attimo 4 di loro “sono corsi per bloccare l’auto. Li ho evitati e sono scappato, prendendo la strada a fianco della pineta che porta a Rosolina”.

La manovra del giovane non ha però fatto desistere il gruppo di malintenzionati, che in pochi attimi si è catapultato a bordo di due auto – un’Opel Astra e una station wagon grigia – all’inseguimento della coppia. Secondo il racconto del giovane, una delle due vetture lo avrebbe superato cercando di bloccargli la fuga ma, nonostante l’ostacolo, sarebbe riuscito comunque a divincolarsi svoltando a una rotonda e arrivare a Rosolina Mare. Purtroppo nemmeno stavolta la manovra di fuga è andata a buon fine; le auto inseguitrici si sono di nuovo fatte avanti e il ragazzo a quel punto si sarebbe fermato, forse confortato dalla folla presente in zona: nemmeno il tempo di scendere dal mezzo che il gruppo di rom – pare fossero una decina – si è subito avventato sulla coppia, aggredendola senza mezze misure.

Stando alla testimonianza del 21 enne, gli aggressori “hanno trascinato” la sua ragazza a terra, “le hanno strappato i capelli” e infine “l’hanno presa a schiaffi”. Solo l’intervento di un anziano signore ha evitato guai peggiori ai due giovani malcapitati.

Davide Lazzini
21 giugno 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook