Violenze su minori nella casa famiglia ‘Monello Mare Onlus’

Violenze su minori nella casa famiglia ‘Monello Mare Onlus’

maestra picchia bambinoROMA – Picchiati e violentati in una casa famiglia di Santa Marinella: questa la verità che i giovani ospiti della struttura hanno raccontato agli inquirenti dopo essere stati interrogati per far luce su un’inchiesta partita circa un anno fa a seguito delle rivelazioni di una minorenne ospite della ‘Monello Mare Onlus’, oggi sotto sequestro.

La giovane avrebbe riferito ad un’assistente sociale delle violenze subite all’interno della casa famiglia: da lì l’apertura dell’inchiesta e la raccolta delle testimonianze degli altri minorenni – tutti tra 14 e 17 anni – ospiti della ‘Monello Mare’. Dalle audizioni protette che sono state raccolte dagli investigatori sono emerse ancor più nel dettaglio tutte le violenze che i ragazzi erano costretti a subire: dal dover mangiare cibo ormai scaduto alla somministrazione – da parte del personale – di psicofarmaci arrivando persino a un caso di violenza sessuale. A dare ulteriore conferma a quanto scoperto ci sarebbero un video – girato da una ragazzina all’interno della struttura – e un diario, in cui sarebbero state annotate le ivolenze subite giorno per giorno. I ragazzi hanno infine rivelato che ci sono stati diversi tentativi di fuga da parte di alcuni di loro ma ogni volta venivano rintracciati e riportati nella struttura.

Nessuno da fuori immaginava che cosa stesse succedendo all’interno della ‘Monello Mare’: gli abitanti della zona che sono stati intervistati hanno infatti dichiarato di non essersi mai resi conto di nulla. Da stamani, però, con l’arrivo in zona delle forze dell’ordine, lo sgombero della struttura, gli arresti e l’apposizione dei sigilli, la comunità ha scoperto che cosa in realtà si nascondeva dietro la facciata della casa famiglia.

Gli agenti hanno arrestato il responsabile dello staff della struttura mentre è stato disposto l’obbligo di dimora per 4 dipendenti.

Davide Lazzini
13 maggio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook