Genova: fermati nella notte 5 probabili No Expo

Genova: fermati nella notte 5 probabili No Expo

 Black Bloc 2GENOVA – Genova, centro storico, sono le 23 circa quando la digos, coadiuvata dal nucleo di polizia, pedina alcuni ragazzi che pochi attimi prima avevano danneggiato diverse automobili. I sospetti vengono seguiti fino alla salita san Nicolasio, dove la digos, irrompe nell’appartamento usato come rifugio e trova diverse tute nere, caschi, maschere e cartine di Milano con percorsi evidenziati.

 Black Bloc 3Cinque i ragazzi fermati tutti di nazionalità francese, 4 uomini e una donna. Ad inchiodare i ragazzi, oltre alle tute e le diverse cartine, sarebbe stato il ritrovamento di diversi pagamenti di pedaggio autostradale per Milano, nel giorno del 1 maggio. I 5 sono stati condotti presso le case circondariali di Marassi e Pontedecimo nell’ attesa della sentenza nei prossimi giorni. Sequestrata dalla Digos anche la presunta auto utilizzata dai 5 per spostarsi tra le due città, una “Toyota station wagon” con targa francese. Saranno sentenziati per resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento.

In attesa di un riscontro del sostituto procuratore di Genova Federico Manotti, Maroni avverte: “Sono stati stanziati 1,5 milioni di euro dalla regione Lombardia per i danni di Milano, Commercianti non siete soli!”.

Procedono in queste ore le operazioni di analisi del materiale rinvenuto in attesa, nelle prossime ore, della decisione del P.M. Continua, nel frattempo, la trafila di operazioni per ripulire il capoluogo lombardo. Presenti oggi in ventimila in quella che è stata battezzata come #NESSUNOTOCCHIMILANO.

Raffaele Buccolo
4 maggio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook