Incassava pensioni madre e zia decedute, denunciato per truffa

Incassava pensioni madre e zia decedute, denunciato per truffa

 news_img1_68915_gdfCROTONE – La Guardia di Finanza di Crotone ha denunciato un uomo che per anni ha incassato la pensione della madre e della zia, decedute da oltre dieci anni. Le fiamme gialle hanno denunciato anche l’impiegato della banca che ha rilasciato una carta bancomat sette anni dopo la morte di una delle due donne, il quale è risultato comunque estraneo alla vicenda.

Le indagini dei finanzieri e dell’Inps hanno accertato che l’uomo aveva omesso di segnalare la morte della zia, morta nel 2002, e della madre, avvenuta nel 2004. In questo modo le pensioni venivano regolarmente accreditate sul conto corrente cointestato delle due defunte, per il quale l’uomo possedeva una delega. L’importo delle due pensioni, a distanza di qualche giorno dal pagamento delle competenze, veniva prelevato dall’uomo attraverso prelievi con il bancomat o tramite delle operazioni allo sportello. La truffa ai danni dell’Inps ammonta a 132 mila euro. Gli uomini delle fiamme gialle hanno chiesto alla Procura della Repubblica di Crotone il sequestro delle somme percepite dall’uomo.

I militari hanno accertato che i prelievi bancomat avvenivano utilizzando una carta intestata e ritirata presso la banca nell’aprile del 2012 dalla titolare della pensione, in realtà deceduta da oltre sette anni. Dalle indagini è risultato che l’istituto di credito è totalmente estraneo alla truffa.

Marilena Tuveri
23 aprile 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook