Clan Di Cosola: 64 arresti per mafia, estorsione e traffico di droga

Clan Di Cosola: 64 arresti per mafia, estorsione e traffico di droga

7_5BARI – Questa mattina i Carabinieri del Reparto Operativo di Bari hanno arrestato 64 persone ritenute esponenti del clan mafioso ‘Di Cosola’. L’ordine a procedere è stato firmato dal Gip del Tribunale di Bari, che ha accolto le richieste della Dda. Tra i fermati figura un imprenditore edile, a cui è stata sequestrata l’azienda situata alla periferia del capoluogo pugliese. In manette anche alcune donne, alle quali era stato affidato il compito di tenere la contabilità del clan. L’operazione, definita dai militari un ‘colpo mortale’ alla cosca Di Cosola, si è svolta ricostruendo anni di monopolio malavitoso in settori vitali dell’economia, primo fra tutti quello dell’edilizia, in cui la mafia agisce e guadagna imponendo l’acquisto del cemento di bassa qualità.

Secondo l’accusa, il clan aveva messo le mani anche sul florido mercato delle videolottery: ogni commerciante che finiva sotto il monopolio mafioso era costretto a versare 100 euro per ogni macchinetta esposta nel proprio esercizio. Ciascuna di esse, moltiplicata per quelle presenti nei numerosi locali della provincia barese oggetto del racket, fruttavano una rendita stimata in migliaia di euro mensili. Alle attività malavitose scoperte dagli agenti, va aggiunto anche il traffico di stupefacenti, aspetto già vagliato durante le indagini e confermato durante la fase di controllo dei movimenti del clan, con registrazioni – circa 250 – delle diverse attività di spaccio.

Oltre agli arresti e ad aver posto fine agli illeciti di stampo mafioso, i carabinieri hanno sequestrato beni per diversi milioni di euro: 23 immobili, 19 terreni, 80 conti correnti, 2 cassette di sicurezza, 15 veicoli e 4 società.

Davide Lazzini
21 aprile 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook