18enne muore dopo scontro con bus. Lunga veglia per Luca nella rotonda della discordia

18enne muore dopo scontro con bus. Lunga veglia per Luca nella rotonda della discordia

incidente-700x454

ROMA – Venerdi un 18enne ha perso la vita mentre rincasava a bordo del suo ciclomotore. Intorno alle 23 il giovane stava percorrendo la rotatoria di piazza Istria quando un autobus Atac della linea 88 è venuto a scontrarsi con lo Scarabeo del liceale. Luca Liberti – questo il nome della vittima – avrebbe compiuto 19 anni il prossimo 28 maggio.

Il conducente del mezzo pubblico, F.V., è stato trasportato al policlinico Umberto I da alcuni agenti della P.M. mentre altri colleghi sono rimasti sul posto per ricostruire la dinamica del tragico scontro. Per il momento sembra che il bus abbia dovuto allargarsi sulla sinistra della carreggiata a causa delle molte auto parcheggiate: fato ha voluto che in quel mentre Luca si trovasse nella traiettoria dell’autobus, intento a superarlo.

Il conducente, come del resto aveva già dichiarato l’autista del bus che lo scorso 20 febbraio travolse e uccise un 20enne in piazza Venezia, ha dichiarato di non essersi accorto di nulla; “solo dopo – ha aggiunto – ho sentito qualcosa sotto le ruote”. I sanitari del nosocomio hanno prestato alcune cure all’uomo – emotivamente provato dalla tragedia – e lo hanno sottoposto a test sull’assunzione di alcool e droga, risultati negativi. Gli agenti intervenuti in piazza Istria non hanno rilevato “tracce di contatto chiare ed evidenti” sul mezzo dell’Atac ma si presume che lo scontro abbia coinvolto la parte posteriore del bus.

Tra le tante persone accorse dopo lo schianto, diverse sostengono che quella rotonda sia pericolosa; per i residenti: “prima – cioè fino a 2 mesi fa – quando c’erano i semafori non era mai accaduto qualcosa di così grave. Adesso corrono tutti, nessuno rispetta le precedenze e gli stop. E i ragazzi in motorino corrono troppo, anche su corso Trieste”. Oltre ai residenti, in piazza Istria sono arrivati anche numerosi amici e conoscenti del giovane, che hanno omaggiato Luca con una veglia proseguita fino al pomeriggio di sabato.

Davide Lazzini
12 aprile 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook