Liberata Maria Sandra Mariani: rapita in Tunisia nel 2011

È stata liberata Maria Sandra Mariani, turista italiana rapita in Tunisia lo scorso 2 febbraio 2011, questa è liberazione dell’italiano da più tempo in mano ai rapitori.
L’italiana era stata rapita nel deserto meridionale dell’Algeria (nei pressi di Djanet) da un gruppo di uomini armati (molto probabilmente appartenenti ad Al Qaida) a bordo di un fuoristrada che la catturarono insieme a una guida e a un cuoco, che furono rilasciati dopo poco.

Attualmente la Mariani si trova in un albergo di Ouagadougou, capitale del Burkina Faso dove, contattata dai genitori telefonicamente, ha affermato: “Ora sono in paradiso, sono finalmente libera. Vi ho pensato tanto e vi abbraccio tutti. Sto bene. Domani mattina sono in Italia, a Roma”.
Il padre dopo aver appreso dalla Farnesina della liberazione della figlia ha detto: “Sono stati mesi di grande angoscia. Al momento non sappiamo dove si trova, ma dalla Farnesina ci hanno detto di stare tranquilli. Sappiamo solo che è stata liberata. Nostra figlia andava spesso in Algeria, ora aspettiamo solo di abbracciarla”.

Sono ancora otto gli italiani che si trovano nelle mani di bande terroristiche armate in tutto il mondo.
La prima è Rossella Urro, la cooperante sarda 30enne rapita anche lei nel sud dell’Algeria nel mese di ottobre.
Altro rapito è Bruno Pellizzari, non era un turista anzi viveva da anni in Sudafrica. È stato rapito dai pirati somali il 10 ottobre 2010 mentre lavorava su uno yatch a largo della costa della Tanzania on la compagna sudafricana Deborah Calitz.
Rapiti dai pirati anche i sei italiani della nave ‘Enrico Ievoli’ sequestrata il 27 dicembre scorso al largo delle coste dell’Oman e che si trova attualmente al largo delle coste somale.
Infine lo scorso 19 gennaio è sparito Giovanni Lo Porto, cooperante siciliano catturato insieme ad un collega tedesco in Pakistana nella località di Multan dal gruppo talebano Tehrik-e-Taliban Pakistan, capeggiato da Hakimullah Mehsud.

Enrico Ferdinandi

17 aprile 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook