Papa Francesco annuncia Giubileo straordinario, Marino: “Roma è pronta”.

Papa Francesco annuncia Giubileo straordinario, Marino: “Roma è pronta”.

11067722_10204858488439738_2063346727_o“Cari fratelli e sorelle ho pensato spesso a come la Chiesa possa rendere più evidente la sua missione di essere testimone della Misericordia. È un cammino che inizia con una conversione spirituale. Per questo ho deciso di indire un Giubileo straordinario che abbia al suo centro la misericordia di Dio”, con queste le parole pronunciate nel corso del rito penitenziale, nella Basilica di San Pietro, Papa Francesco ha annunciato il Giubileo straordinario. L’anno Santo straordinario, dedicato alla Misericordia, inizierà l’8 dicembre 2015 con l’apertura della Porta Santa in San Pietro e si concluderà il 20 Novembre 2016. La bolla d’indizione sarà pubblicata il 12 aprile, domenica della Divina Misericordia, festa istituita da Giovanni Paolo II. Fu proprio Wojtyla a indire l’ultimo Giubileo Straordinario del 1983, una consuetudine che risale al XVI secolo, indetto in occasione di un avvenimento di particolare importanza.

11056917_10204858416317935_505585806_nSecondo le prime stime l’evento porterà nella Capitale oltre 25 milioni di pellegrini, come avvenne nel Giubileo del 2000. “Roma è pronta” a dirlo è il Sindaco Ignazio Marino. Ai microfoni di Radio Vaticana il primo cittadino di Roma ha detto: “Rispetto al passato più che a grandi opere dobbiamo pensare ad una grande organizzazione”- prevedendo l’arrivo di decine di milioni di pellegrini aggiunge – “Sicuramente bisognerà prendere delle misure per quello che riguarda lo spostamento dei grandi pullman turistici. Io lo collegherei direttamente a una visione diversa dello spostamento su rotaia nella città. Cioè la possibilità di lasciare i grandi pullman turistici al di fuori del centro storico della città dove io immagino ci si possa spostare molto meglio su rotaia”.

Roma dunque si prepara a 8 mesi di lavori per ospitare i fedeli del Giubileo, l’assessore ai Lavori Pubblici della città, Maurizio Pucci afferma: “Dobbiamo accelerare sulla manutenzione della città: dal decoro alla pulizia, ai lavori sulle grandi consolari già programmati e ai trasporti. Dobbiamo fare di più ora per bloccarci in vista dell’evento. Abbiamo otto mesi, tutti i lavori devono terminare a metà novembre, poi ci saranno le rifiniture”. “Non dobbiamo pensare a grandi opere perché non c’è tempo e non ce n’è bisogno” termina Pucci.

Entusiasta della notizia anche il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti che commenta con queste parole: “Gioia immensa per annuncio straordinario che ci richiama a misericordia, a perdono e all’attenzione verso gli ultimi”. Sulla stessa linea il Premier Matteo Renzi: “L’annuncio del Giubileo è una buona notizia che il governo italiano accoglie con i migliori auspici” – e proseguendo aggiunge – “Si tratta di un appuntamento importante il cui carattere religioso, come sottolineato da papa Francesco, è uno spunto di riflessione e di meditazione per tutti”. Nel concludere il suo commento al Giubileo straordinario Renzi dice: “Sono sicuro che, come già nel 2000, Roma si farà trovare pronta: l’Italia, che quest’anno ospita l’Expo, saprà fare la sua parte anche in questa occasione”.

Marilena Tuveri
14 marzo 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook