Bambina veglia la madre morta da tre giorni. Disposta l’autopsia

Bambina veglia la madre morta da tre giorni. Disposta l’autopsia

TOR SAPIENZA, ANZIANA UCCISA A COLTELLATE IN CASA - FOTO 7BARI – Tragedia in un’abitazione del quartiere Libertà, dove una bambina di 6 anni ha vegliato per tre giorni il corpo della madre, morta – sembra – per cause naturali. Il fatto è venuto alla luce soltanto ieri, quando il nonno della piccola si è recato di persona a casa della figlia dopo aver provato più volte a contattarla telefonicamente.

L’uomo, che vive a Pescara, ha preso la sua auto ed ha raggiunto l’abitazione della figlia Barbara, 26 anni; una volta giunto sul posto si è trovato di fronte alla tragedia. Il nonno della bambina non ha perso un attimo ed ha allertato le forze dell’ordine, subito intervenute sul posto assieme al medico legale.

I primi accertamenti indicherebbero che la morte di Barbara è avvenuta tre giorni fa per cause naturali: sul corpo non sono infatti presenti né segni evidenti di traumi, né vi sono in casa medicinali o sostanze che possano far pensare a un suicidio. In attesa dell’autopsia, l’ipotesi più verosimile è quella del malore. La bambina, nonostante la madre fosse morta, non ha avvisato nessuno “perché – come lei stessa ha riferito al dirigente della sezione volanti Maurizio Galeazzi – è stata educata a non aprire la porta, a non rispondere a nessuno e a non parlare al telefono in caso di assenza della mamma”.

Galeazzi ha riferito che “il cadavere della donna era in camera da letto, la figlia è stata trovata nel soggiorno e ha mangiato frutta, latte e pane prendendolo dal frigorifero e dalla dispensa. Ci è sembrata abbastanza tranquilla, l’abbiamo fatta visitare e i valori sono buoni. Quando siamo entrati in casa ci ha accolto abbastanza bene, ci ha detto che siamo simpatici e che verrà a trovarci quanto prima”.

Barbara faceva lavori saltuari e a detta di chi la conosceva era una donna serena e piena di voglia di vivere, aveva anche rinnovato l’arredamento di casa l’estate scorsa e dedicava tutte le sue energie ad accudire la figlioletta di 6 anni, che frequenta la prima elementare.

Davide Lazzini
14 marzo 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook