8 Marzo: il pensiero di Papa Francesco alle donne

8 Marzo: il pensiero di Papa Francesco alle donne

Pope: AngelusROMA – Nella giornata internazionale dedicata alla donna, Papa Francesco, durante l’Angelus domenicale in Piazza San Pietro, ha voluto ricordare l’universo femminile con queste sue parole: “Un saluto a tutte le donne che ogni giorno cercano di costruire una società più umana e accogliente”- e aggiunge – “Un grazie fraterno anche a quelle che in mille modi testimoniano il Vangelo e lavorano nella Chiesa”. Il Santo Padre applaudito dalla folla accorsa numerosa anche oggi sul sagrato della Basilica, ha proseguito il suo discorso affermando che questa giornata è importante perché: “È per noi un’occasione per ribadire l’importanza delle donne e la necessità della loro presenza nella vita”. “Un mondo dove le donne sono emarginate è un mondo sterile, perché le donne non solo portano la vita, ma ci trasmettono la capacità di vedere oltre, loro vedono oltre” – prosegue Bergoglio – “Ci trasmettono la capacità di capire il mondo con occhi diversi, di sentire le cose con cuore più creativo, più paziente, più tenero”. E conclude questo suo pensiero rivolgendo loro: “Una preghiera e una benedizione particolare per tutte le donne qui presenti in piazza e per tutte le donne”.

Prima di questa sua riflessione il Santo Padre, commentando l’episodio evangelico della cacciata dei venditori dal tempio, chiede ai fedeli di scacciare quegli atteggiamenti d’invidia, cupidigia, gelosia, mondanità e odio per lasciare entrare Dio nel nostro cuore. Poiché con tali atteggiamenti il “Signore non si sente a casa nella nostra vita” – e continua – “Lasciamo che il Signore entri con la sua misericordia, non con la frusta. Apriamogli la porta perché faccia un po’ di pulizia”.

Durante l’Angelus Bergoglio non dimentica i bisognosi e ricorda: “Durante questa Quaresima, cerchiamo di stare più vicini alle persone che stanno vivendo momenti di difficoltà, vicini con l’affetto, la preghiera e la solidarietà”.

Marilena Tuveri
8 marzo 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook