Scontri nella capitale tra polizia e movimenti ‘anti-Salvini’

Scontri nella capitale tra polizia e movimenti ‘anti-Salvini’

foto_roma_scontri_polizia_manifestanti_occupantheon_01_1ROMA – Nuova serie di scontri nella capitale. Questa volta – alla vigilia del corteo anti-Renzi organizzato dalla Lega – le forze dell’ordine hanno fronteggiato diversi manifestanti riunitisi a piazzale Flaminio. Gi agenti, in tenuta antisommossa, hanno caricato i militanti che stavano bloccando la strada, facendoli arretrare fino al marciapiede opposto alla piazza. Dopo l’alleggerimento sono stati lanciati alcuni lacrimogeni. Secondo quanto riportato da alcune fonti, ci sarebbero almeno un paio di feriti tra i dimostranti.
Nelle ore precedenti agli scontri, un gruppo di militanti – tra cui alcuni appartenenti ai movimenti di ‘lotta per la casa’ – sono entrati nella Basilica di piazza del Popolo per una ‘occupazione’ simbolica. Alcuni di loro erano stati bloccati dalla polizia prima che venisse compiuto il fatto, mentre altri sono riusciti a organizzarsi e a penetrare nell’edificio. La motivazione della protesta è sintetizzata nella sostanza dallo striscione ‘Mai con Salvini’, srotolato poco dopo l’ingresso nella chiesa. Gli occupanti, però, sono stati sgomberati in poco tempo dagli agenti intervenuti sul posto.
Alcuni appartenenti ai movimenti hanno riferito di essere stati letteralmente trascinati fuori dalla chiesa. Gli attivisti, servendosi di una porta laterale della Basilica, intendevano occupare la chiesa e passarvi la notte, in attesa della manifestazione della Lega che si svolgerà domani. Attraverso una nota, i manifestanti hanno reso noto che sono determinati ad “impedire materialmente il comizio della Lega Nord e di Casapound previsto per il 28 febbraio in piazza del Popolo”.
Davide Lazzini
27 febbraio 2015
Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook