Il RIS trova fibre dei sedili del furgone di Bosetti sui leggins di Yara

Il RIS trova fibre dei sedili del furgone di Bosetti sui leggins di Yara

 Funerale Yara GambirasioBERGAMO — Un altro importante tassello si aggiunge agli indizi a carico di Massimo Giuseppe Bosetti, in carcere perché ritenuto responsabile della morte di Yara Gambirasio.

Dopo una rigorosa analisi effettuata dagli esperti del RIS dei Carabinieri di Parma, sono state rinvenute fibre dei sedili del furgoncino Iveco Daily di Bosetti sulla parte esterna dei leggins della ragazza. Gli esami di laboratorio del RIS sono stati accompagnati dalle analisi dell’anatomopatologa forense Cristina Cattaneo, le quali confermerebbero che si tratta appunto dell’identico materiale.

A pochi giorni dalla chiusura delle indagini, questa prova potrebbe essere il punto di svolta in un caso che aspetta il nome definitivo del colpevole da ormai troppi anni. Ad inchiodare l’uomo ora non sarebbero solo le tracce del suo DNA sugli slip di Yara, ma anche quei fili di stoffa che legherebbero la ragazza al mezzo usato per farla sparire in quel lontano 26 novembre 2010.
Certo è che il furgone incriminato è stato visto e più volte ripreso dalle telecamere di sicurezza aggirarsi proprio davanti alla palestra in un orario coincidente all’uscita di Yara dalla palestra, oltre che nelle zone limitrofe.

Il Gip di Bergamo aveva respinto solo poche setimane fa la richiesta di scarcerazione presentata dal legale di Bosetti in seguito ad una perizia che aveva messo in discussione la presenza del DNA del suo assistito, che continua a dichiararsi estraneo alla morte della tredicenne.

Paola Mattavelli
17 febbraio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook