Svolta nelle indagini del ragazzo sfregiato con l’acido

Svolta nelle indagini del ragazzo sfregiato con l’acido

Giovane sfregiato acido-indagato per favoreggiamento un amico di martinaMILANO – Dopo che Stefano S., il 25enne studente all’Università Bicocca che è stato aggredito con l’acido nella notte tra l’1 e il 2 novembre scorso, è stato dimesso dall’ospedale in cui è stato ricoverato fino adesso per le gravi lesioni riportate, il procuratore aggiunto Alberto Nobili e il pm Marcello Musso lo hanno ascoltato in relazione all’agguato subito da Martina Levato e Alexander Boettcher, assieme al presunto complice Andrea Magnani, attualmente detenuti perchè accusati di essre gli autori del reato.

Ora secondo l’ipotesi degli inquirenti, il giovane studente potrebbe essere stato aggredito per uno scambio di persona, perché il vero obiettivo della coppia era il fotografo Giuliano C. che a metà novembre è riuscito a schivare il lancio dell’acido Milano, 13 febbraio 2015

Il giovane è arrivato al  Palazzo di Giustizia per presentarsi ai magistrati, accompagnato dal padre e dai suoi legali, gli avvocati Andrea Orabona e Benedetta Maggioni. Nel suo racconto Stefano S., che rischia di perdere l’uso di un occhio, ha evindenziato ai magistrati i moventi dell’aggressione.

Si attendono ora ulteriori altri sviluppi e i magistrati cercheranno riscontri utili alle indagini anche dalla deposizione di Savi, depositata in occasione del processo che s sta svolgendo per l’aggressione del 22enne Pietro Barbini.

Sebastiano Di Mauro
14 febbraio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook