Brescia:arrestato terrorista, preparava attentato alla Sinagoga

Risale a questa mattina l’arresto da parte della Polizia di Stato di un cittadino marocchino, J. M., 20 anni, accusato di essere coinvolto in attività di addestramento all’uso di armi e di esplosivi per finalità di terrorismo.

 

Il giovane di origine marocchina, la cui identità non è stata resa nota per motivi di sicurezza,vive in provincia di Brescia dall’età di 6 anni. L’operazione è stata coordinata dalla Procura Distrettuale di Cagliari ed è stata condotta dal Servizio Centrale Antiterrorismo e dalle Digos delle Questure di Cagliari e Brescia. In particolare le indagini si sono concentrate sul monitoraggio continuo dei siti web che trattano l’argomento della jihad e diffondono documenti e discussioni su questo tema. In questo modo è stato possibile seguire i movimenti del giovane attraverso i vari portali web allo scopo di scoprire le sue intenzioni.

Le manette sono scattate, secondo quanto dichiarato dagli inquirenti a seguito di “preoccupanti elementi su una progettualità terroristica”, è stato infatti intercettato un messaggio del ragazzo dove si faceva riferimento ad un attentato terroristico verso quelli che la Digos definisce “obiettivi sensibili”.

Nello specifico gli inquirenti considerano fondamentali al fine dell’indagine alcuni documenti rinvenuti nel computer del giovane marocchino dove erano salvati i dati relativi alla Sinagoga di via della Guastalla a Milano, un dettaglio della piantina e una serie di appunti scritti dal marocchino riguardanti le misure di sicurezza presenti nella struttura.

Questi e altri elementi hanno messo in allarme la Digos che ha operato immediatamente l’arresto del sospettato.

Le indagini intanto continuano anche in ambito internazionale. Il giovane infatti era in contatto principalmente con persone residenti all’estero. Dopo l’arresto in Italia un altro fermo, sempre riguardante le stesse indagini è stato effettuato a Londra dalla Metropolitan Police, che ha arrestato una donna che risultava in stretto contatto con il marocchino residente in Italia.

Valentina Vanzini

15 marzo 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook