Nuovo sequestro milionario al clan di Messina Denaro

Nuovo sequestro milionario al clan di Messina Denaro

carabinieriTRAPANI – Nuovo sequestro al clan del boss Matteo Messina Denaro: le forze dell’ordine hanno bloccato beni per 18,5 milioni di euro che erano in mano a persone ritenute vicine al superlatitante. I soggetti a cui sono stati confiscati i beni sono l’imprenditore Salvatore Angelo e il presunto mafioso Antonino Nastasi, entrambi già condannati per associazione mafiosa e fittizia intestazione di beni.

L’operazione del Ros è frutto dell’indagine volta alla ricerca del latitante che, dopo aver condotto all’arresto degli esponenti di vertice del mandamento di Castelvetrano, ha consentito di individuare l’ingente patrimonio accumulato dagli esponenti più prossimi al boss.

sono stati messi i sigilli a otto beni aziendali, 132 immobili, 7 autoveicoli e circa 22 rapporti bancari e finanziari sono finiti sotto sequestro. L’indagine patrimoniale ha confermato come l’organizzazione fosse in grado di influire nell’esecuzione di lavori nel settore delle rinnovabili attraverso una fitta rete di società controllate, in modo più o meno diretto, dall’imprenditore Salvatore Angelo di Salemi.

Sarebbe lui la figura intorno alla quale ruotava il sistema societario con cui il clan mafioso si sarebbe infiltrato nei progetti di realizzazione dei parchi eolici di San Calogero di Sciacca (AG), Eufemia di Santa Margherita Belice (AG) e Contessa Entellina (PA).
Secondo chi indaga, i ricavi di queste attività illecite erano utilizzati anche per mantenere le spese date dalla latitanza di Messina Denaro.

Davide Lazzini
16 gennaio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook