Ragazzo picchiato al volto con un crick, arrestato il padre

Ragazzo picchiato al volto con un crick, arrestato il padre

carabinieriROMA  – Gli uomini della Polizia di Stato del commissariato di Fondi hanno arrestato un uomo, M.I., classe 1977 e commerciante di prodotti ortofrutticoli, in qualità di responsabile dei reati di lesioni personali aggravate, minacce aggravate, violazione della normativa in materia di armi e abuso dei mezzi di correzione ai danni del figlio 13enne.

Gli agenti sono intervenuti nel pronto soccorso dell’ospedale ‘San Giovanni di Dio’, dove il personale sanitario di turno aveva appena finito di prestare le cure a un giovane studente di 13 anni che presentava evidenti lesioni al capo. Il minore era accompagnato dalla madre.

Le forze dell’ordine, dopo una breve serie di accertamenti, hanno appreso che la malcapitata vittima, affidato al padre successivamente alla separazione dei genitori, era stato brutalmente aggredito e malmenato dal papà, il quale, pare per futili motivi, lo aveva minacciato di morte e quindi percosso dapprima con le mani, poi con la leva di un crick, causandogli gravi ferite alla testa, alla bocca e al naso.

La madre del minore, riuscendo a frapporsi tra l’ex marito e il figlio, ha evitato guai peggiori al ragazzino ed ha inoltre prestato i primi soccorsi prima dell’arrivo dell’ambulanza. Il minore, in conseguenza della violenza subita, ha riportato un trauma cranico e alle ossa nasali, con prognosi iniziale di 10 giorni. Alla luce dei gravi fatti, la Polizia ha raccolto gli indispensabili elementi di prova, provvedendo a trarre in arresto l’uomo, che è stato presentato nella mattinata di ieri innanzi al Tribunale di Latina per la convalida del fermo.

Davide Lazzini
30 dicembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook