Whitney Houston è morta a Los Angels: forse annegata in vasca

Il mondo della musica è in lutto per la morte di The voice, ovvero Whitney Houston, aveva 48 anni.
La celebre cantante è stata trovata senza vita in una stanza del quarto piano dell’hotel Beverly Hilton di Los Angeles (era lì per partecipare alla festa pre-Grammy, quegli Oscar della musica di cui è stata più volte protagonista con sei statuette in carriera) alle ore 15:55. I soccorritori hanno provato a rianimarla per ben 20 minuti ma ormai non c’era più niente da fare.

Le circostanze della morte sono ancora da chiarire ma c’è da dire che da alcuni anni la cantante era in preda ad una profonda crisi depressiva e faceva uso di sostanze stupefacenti. Questo sembra esser il motivo della morte visto che la polizia ha dichiarato che nella stanza non sono stati riscontrati segni evidenti di dolo.
L’ennesima grande artista quindi stroncata dalla droga, lo scorso luglio era toccato ad Amy Winehouse.
La carriera di Whitney Houston è stata incredibile, fra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90 era  una delle cantanti più famose ed apprezzate grazie alla sua voce cristallina in grado di ipnotizzare chiunque. La svolta della sua vita arriva nel 1992 quando si sposa con il collega Bobby Brown, dal matrimonio naque la figlia Bobbi Christina, ma segnerà l’inizio di un periodo di violenze. Bobby Brown difatti è violento e porta la droga nella vita di Whitney. Da quell’anno comincerà la caduta di un’artista che con soli 7 album, registrati dal 1985 al 2009, ha venduto più di 170 milioni di copie.

Aggiornamento delle ore 16:22

Nella stanza dove è stata trovata morta Whitney Houston non sono state trovate droghe, solo una prescrizione di farmaci. Si pensa pertanto che la causa della sua morte sia dovuta ad annegamento nella vasca da bagno. A sostenere questa tesi il sito Tmz. C’è da dire che secondo altre fonti giornalistiche i poliziotti di Beverly Hills avrebbero invece trovato diverse boccette di pillole. Il corpo della cantante è stato rimosso circa un’ora fa dalla camera su una barella e portato in obitorio per l’autopsia. Durante il trasporto la figlia della Huston, Bobbi Kristina ha litigato con alcuni agenti che gli hanno proibito di vedere il corpo della madre.

Jessica Frasca

12 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook