Milano: arrestato presunto assassino del ragazzo trovato morto nel camper

Milano: arrestato presunto assassino del ragazzo trovato morto nel camper

Andrea-PobbiatiMILANO — Arrestato il presunto assassino di Andrea Pobbiati, il ragazzo ventitreenne ucciso con almeno quindici coltellate all’addome e alla schiena e ritrovato morto all’interno del camper dove viveva, in via Fabio Massimo, zona Porto di Mare, estrema periferia sud di Milano. L’uomo ritenuto responsabile dell’omicidio è stato rintracciato e fermato dai Carabinieri di Milano mentre stava andando ad uno studio televisivo per partecipare ad una trasmissione in veste di comparsa. Al momento non è stata resa nota l’identità dell’arrestato.

Andrea era incensurato, non era nel giro della droga e si manteneva con lavoretti saltuari e la pensione di reversibilità del padre deceduto. Dopo la morte del padre, con il quale viveva, si era trasferito da sei mesi nel camper dato in affitto da un cinquantenne italiano per cento euro mensili. Le pessime condizioni igieniche e l’assenza di riscaldamento hanno reso più complicato stabilire la data della morte. Nel cortile dove era parcheggiato il mezzo non ci sono telecamere e l’arma usata per colpire Andrea, probabilmente un coltello a lama lunga, non era stata trovata sul luogo del delitto. Dalle numerose ferite alle braccia sembra certo che il ragazzo abbia tentato di difendersi da chi lo stava aggredendo.

I particolari dell’indagine saranno resi noti in una conferenza stampa presso il Comando Provinciale dei Carabinieri di Milano alla presenza dei PM Paola Biondolillo e Alberto Nobili.

Paola Mattavelli
19 novembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook