Frana travolge un’abitazione e uccide nonno e nipote

Frana travolge un’abitazione e uccide nonno e nipote

franaVARESE – Due persone sono morte a Cerro di Laveno a seguito del crollo di una villa travolta da una frana provocata dalle forti piogge. Le vittime sono un uomo di 70 anni e la nipote, Adriana De Pena Moya, una ragazzina di 16 anni. Una parte della collina si è staccata dalla montagna ed è letteralmente scivolata sull’abitazione facendone cadere una parte. Il resto è stato invaso dal fango e dall’acqua.

Secondo i vigili del fuoco, nella casa c’erano cinque persone, tra cui i genitori della ragazza e la moglie dell’uomo rimasto schiacciato sotto le macerie. I tre sono riusciti a mettersi in salvo, mentre gli altri sono stati travolti dalla valanga di fango e detriti che non hanno lasciato scampo a nonno e nipote.

L’uomo, Giorgio Levati, è stato trovato dai vigili del fuoco sotto le macerie della casa, mentre la giovane è stata soccorsa fuori dall’abitazione, ma sommersa dal fango e dai macigni. I soccorritori hanno tentato di rianimarla e l’hanno portata in ospedale ma è morta subito dopo l’arrivo nella struttura di Cittiglio (VA).

Lia Levati, moglie del settantenne rimasto vittima assieme alla nipote, ha raccontato non senza fatica la triste scena cui ha assistito: “Stavo guardando la televisione quando ho sentito un forte boato, sono corsa nell’altra stanza e ho visto mio marito sepolto sotto metri cubi di fango: tutto è stato improvviso, è durato meno di un minuto”.

La villetta dove abitava la famiglia è stata l’unica abitazione coinvolta dalla frana a Cerro, frazione di Laveno Mombello affacciata sul Lago Maggiore. I vigili del fuoco e i volontari della Protezione civile stanno operando nella zona per mettere in sicurezza le altre abitazioni. La villetta dove abitava la famiglia è stata l’unica abitazione coinvolta dalla frana a Cerro, frazione di Laveno Mombello affacciata sul Lago Maggiore. Sono ancora in corso i rilievi dei carabinieri, intervenuti sul posto.

Davide Lazzini
16 novembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook