Maltempo, allerta e disagi in Liguria, Emilia, Lombardia e Veneto

Maltempo, allerta e disagi in Liguria, Emilia, Lombardia e Veneto

pioggeForti disagi in tutta la Liguria a causa della nuova perturbazione che ha investito la regione a partire dal savonese. Particolarmente colpita Albenga, in cui si segnalano numerose strade interdette al traffico a causa di allagamenti e depositi di detriti sulla carreggiata. Anche il traffico ferroviario e autostradale ha subìto ripercussioni: a causa dell’allagamento dei binari nella stazione di Alassio che ha costretto alla chiusura del tratto Andora-Albenga. Chiuso inoltre il casello autostradale di Albissola. Anche la A10 è chiusa tra Voltri e Genova per una frana che minaccia la carreggiata.

Disagi in A26 e in A12 e difficoltà per chi deve percorrere le strade che portano nell’entroterra. Monitorati i corsi d’acqua, già ingrossati dalle piogge dei giorni scorsi. Particolarmente allarmante è la zona di Campochiesa. Duramente colpite dal nubifragio risultano anche Albisola Superiore – dove è esondato il rio Basco – Bergeggi, Alassio e Savona. Numerosi allagamenti a Sanremo, Camporosso e Bordighera, dove sono stati invasi dall’acqua sottopassi, negozi e scantinati e tre torrenti – Caramagna, Artallo e Varcavello – sono esondati.

La pioggia intensa non ha risparmiato Genova: a Voltri in un’ora sono caduti 103 mm di pioggia, solo 27 in meno rispetto al nubifragio che lo scorso 9 ottobre, causò lo straripamento del torrente Bisagno. Le  piogge hanno provocato l’esondazione del torrente Cerusa e il crollo di un’abitazione, fortunatamente senza vittime. Si registrano ancora rovesci temporaleschi nei municipi di ponente, medio-ponente e Polcevera.

C’è preoccupazione anche in Lombardia nella provincia di Monza e Brianza, dove il Lambro è nuovamente straripato, allagando tutta la zona circostante e il parco che lo costeggia. Strade e ponti a Monza e nei comuni del territorio vengono controllati dalla mattinata, viste anche le possibili variazioni del tempo nel corso della giornata. Cresce l’allerta anche in Emilia-Romagna e in Veneto per la portata del Po: il livello del fiume continua a crescere. Il fiume ha raggiunto i sette metri sopra il livello idrometrico a Piacenza, e la zona più a rischio al momento sembra essere Casalmaggiore, in provincia di Cremona. Nel Ferrarese, la piena del Panaro ha costretto il sindaco di Ferrara – Tiziano Tagliani – a firmare un’ordinanza di evacuazione per i residenti nelle aree vicine al corso d’acqua. Preallarme anche per il Crostolo nel Reggiano . Allerta anche nel Mantovano dove – nella golena del fiume Mincio a Formigosa – cinque famiglie sono state evacuate ieri sera dalle loro case. Stando alle ultime previsioni meteo, il livello delle acque del Po rimarrà al di sopra della soglia critica almeno per altre 24 ore.

Davide Lazzini
15 novembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook