Costa Concordia: ricerche sospese. La moldava: ”sono innamorata di Schettino”

Ieri  è stata ascoltata dai ai pm di Grosseto Domnica Cemortan la 24enne moldava, presunta amante del Comandate Schettino che la tragica sera del 13 gennaio scorso era presente in plancia di comando e che potrebbe quindi rivelarsi fondamentale per capire le dinamiche dell’incidente. Domnica ha affermato di trovarsi in plancia quella sera: “perché sono innamorata di Schettino”.

La Cemortan ha collaborato con gli inquirenti, che si sono ritenuti soddisfatti dell’interrogatorio e che attualmente sono al lavoro per verificare che la sua testimonianza combaci con quella di Schettino, che comunque aveva affermato di non aver mai permesso a nessun estraneo di stare in plancia di comando.

Mentre è stata identificata la 17esima vittima, si tratta Siglinde Stumpf, una cittadina tedesca di 66 anni, si lavora per capire se come proseguire con le ricerche e quando sarà possibile effettuare l’estrazione delle 2.400 tonnellate di carburi che rappresentano una grave minaccia per l’ambiente. Minaccia che si fa più viva in quanto nel corso della giornata di ieri, visto il mare mosso la nave si è spostata di più di 7 centimetri in sette ore, dopo che sulla zona aveva imperversato un forte vento di grecale e il mare si era ingrossato notevolmente. Il relitto della Costa Concordia comincia a deformarsi, ieri sono crollate alcune strutture in vetro poste su quello che era il tetto della nave. La situazione è quindi di scarsa sicurezza per i palombari e i sommozzatori che dovrebbero entrare sulla nave per effettuare le ricerche.
Ricordiamo che i corpi recuperati fin ora sono stati dunque tutti identificati si tratta di sei tedeschi, quattro francesi, tre italiani, un ungherese, uno spagnolo e due peruviani.
I dispersi sono ancora 15: sei tedeschi, quattro italiani, tra cui una bambina di 5 anni e un membro dell’equipaggio, una giovane coppia francese, due americani e un membro dell’equipaggio indiano.

Enrico Ferdinandi

2 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook