Coreno Ausonio, le telecamere incastrano Giuseppe Di Bello

Coreno Ausonio, le telecamere incastrano Giuseppe Di Bello

carabinieriCORENO AUSONIO – La dinamica sulla tragica scomparsa dei fratelli imprenditori Giuseppino e Amilcare Mattei, titolari della Gpr Srl Tirreno Marmi, sta emergendo in queste ore. I carabinieri della Compagnia di Pontecorvo, stando alle ultime indiscrezioni, avrebbero risolto il caso dissipando così il dubbio sul movente del duplice omicidio: secondo gli elementi raccolti dagli uomini del capitano Fabio Imbratta e del tenente Vittorio De Lisa, e grazie alle immagini riprese dal sistema di videosorveglianza installato nella cava, i fratelli Mattei avrebbero sorpreso in flagranza il giovane Giuseppe Di Bello mentre si preparava a commettere un furto di gasolio.
Per questo motivo – oltre all’accusa di duplice omicidio e porto abusivo di arma da fuoco – il giovane, ricoverato ancora in gravi condizioni all’ospedale Umberto I di Roma a seguito dei proiettili esplosi dai fratelli, deve rispondere anche di furto e ricettazione. Quest’ultimo capo d’accusa è riferito alla pistola – non registrata – che è stata trovata vicino il corpo del 35enne. L’indagine cercherà di risalire a colui che avrebbe procurato l’arma a Giuseppe Di Bello.
La comunità di Coreno si stringe nel dolore con la famiglia Mattei e ricorda Giuseppino e Amilcare come due persone perbene.
Davide Lazzini
8 novembre 2014
Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook