Maltempo: la provincia apuana è sott’acqua, il Carrione ha rotto gli argini

Maltempo: la provincia apuana è sott’acqua, il Carrione ha rotto gli argini

carraraMASSA – La provincia apuana è stata flagellata dalla perturbazione che ha portato con sé piogge intense che si sono abbattute anche in gran parte della Toscana durante la notte scorsa. Sono diversi gli allagamenti registrati nella provincia di Massa a causa del maltempo: a Carrara circa 200 metri dell’argine del torrente Carrione – nel tratto compreso tra Avenza a Carrara – è crollato e le acque hanno invaso le strade e provocato numerosi allagamenti nei piani bassi delle case.

Sempre a Carrara si è temuto che ci fossero una vittima e un disperso, ma il Sindaco Angelo Zubbani – ai microfoni di Sky Tg24 – ha smentito questa tragica eventualità. A rinforzo delle dichiarazioni del primo cittadino arriva anche la conferma del suo vice, Andrea Vannucci, accorso nel luogo dell’esondazione: “Non risultano morti”. E’ stato inoltre ritrovato e portato in salvo il disperso: si tratta di un operaio che era rimasto intrappolato in una fabbrica vicina al luogo dello straripamento.

A causa del maltempo e dell’allerta meteo ancora in corso, il Sindaco Zubbani ha emesso un’ordinanza in cui si comunica la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado nel comune marmifero. E’ inoltre attivo il Punto di Accoglienza e Prima Emergenza allestito nel complesso di ‘CARRARAFIERE’ a Marina di Carrara, in Via Maestri de Marmo, ingresso 5.

Gli elicotteri e i gommoni della Protezione civile e dei vigili del fuoco intanto stanno sorvolando e pattugliando l’area della provincia colpita dall’esondazione del Carrione e del Parmigola. L’ultimo a essere recuperato è stato un ragazzo, straniero, che viveva in una casa abbandonata nelle vicinanze del corso d’acqua esondato. I soccorritori stanno cercando di tamponare con dei blocchi di cemento la parte di argine crollata. Nelle prossime ore, la sala operativa regionale aperta a Firenze durante la notte appena trascorsa, potrebbe dare il via libera all’invio di nuove forze.

Mentre i soccorsi procedono nel loro lavoro di ausilio alle persone e ripristino della viabilità, persiste il vento forte e la pioggia; ad essi si aggiunge il pericolo di dissesto idrogeologico di livello 2 e 3: a tal proposito è bene verificare con regolarità la cartina in cui sono indicate le aree di rischio al link http://www.regione.toscana.it/allerta-meteo-rischio-idrogeologico-idraulico

Dalle 9 di stamane ha ripreso la circolazione dei treni tra Sarzana e Massa, anche se a velocità ridotta e su un solo binario. Lentamente si cerca di liberare dal fango anche le strade principali della zona.

Zubbani, vista la comunicazione di GAIA Spa con la quale si informa che a seguito dell’evento metereologico avverso si sono verificati dei fenomeni di intorbidiemento delle sorgenti che servono il Comune di Carrara (in particolare in loc. Carrara centro, Via Codena, località San ceccardo, Fossola, San Luca, Bonascola, località Stadio fino a Via Carducci, Miseglia, Colonnata, Zona Ospedale e zone limitrofe) ha emesso una nuova ordinanza in cui si vieta ai cittadini residenti nelle suddette localià di adoperare l’acqua erogata dal pubblico acquedotto per uso alimentare e idropinico fino a nuove disposizioni. Maggiori info e aggiornamenti su: www.comune.carrara.ms.gov.it

Davide Lazzini
5 novembre 2014

 

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook