Progetto Nuovi Quartieri: arriva la mostra di “Arte differenziata”

Progetto Nuovi Quartieri: arriva la mostra di “Arte differenziata”

marco-foto-3-2Prosegue il progetto Nuovi Quartieri che si fa promotore di un innovativo stimolo culturale atto a rianimare le nostre periferie. Tra gli intenti di questa iniziativa non si può tralasciare l’arricchimento della Stazione di Ottavia destinato a divenire il centro della mostra “Arte differenziata”.

Promotore dell’idea l’Assessore alla Cultura del Municipio XIV Marco Della Porta che, sostenuto dalla RFI (Rete Ferroviaria Italiana), vuole valorizzare il riciclaggio e nobilitarlo artisticamente.

A parlarci del tutto è Simona Sarti, la curatrice dell’evento, che afferma: “La trasformazione di materiali di scarto in oggetti creativi sottolineano come il ripudio dello spreco e della speculazione possa diventare esso stesso un’opera d’arte.’’
Con l’intento di sottolineare l’atto di inciviltà nell’abbandonare i rifiuti per le strade della nostra città e del nostro paese, si parte con la riconversione di materiali di recupero in qualcosa che può diventare la rappresentazione artistica del quotidiano. Molti talenti hanno aderito al progetto, in merito al quale Della Porta afferma: “Con Arte differenziata vogliamo denunciare la deriva consumistica a cui è giunta la nostra società, un consumismo sfrenato che non coinvolge solamente gli oggetti ma anche le persone, i rapporti sociali, le emozioni, i sentimenti. Un mondo nuovo si costruisce anche combattendo l’indifferenza e l’approssimazione che caratterizzano la nostra epoca. Come rappresentante delle Istituzioni è un mio dovere condurre questa battaglia.’’

Si parla dunque di una battaglia sociale e di un desiderio di sensibilizzazione attraverso questa mostra che sarà inaugurata sabato 8 Novembre alle 17, proprio presso la stazione suddetta. Un’occasione per cambiare una prospettiva che dovremmo approfondire sia in relazione a questo appuntamento sia nei vari aspetti della nostra vita.

Francesca Aliperta
5 novembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook