Si suicida dopo post su Facebook: ‘Direi che adesso può bastare’

Si suicida dopo post su Facebook: ‘Direi che adesso può bastare’

118ANCONA –  Luciano Berti, 65 anni, sposato, particolarmente conosciuto nell’ambiente della ristorazione, si è ucciso ieri sera sparandosi un colpo di pistola alla tempia. La tragedia si sarebbe consumata in un parcheggio nella zona della baia di Portonovo. Poco prima di compiere il gesto aveva lasciato un post su Facebook dall’aspetto preoccupante. Non si conoscono ancora i motivi della decisione presa dall’uomo.

Il corpo di Berti ormai esanime l’hanno trovato gli amici, una cerchia cui era particolarmente affezionato e ai quali era volto il suo ultimo pensiero. Il sessantacinquenne avrebbe dovuto prendere parte a una cena proprio con i compagni di una vita ma, invece di seguire il gruppo verso la destinazione, si sarebbe accostato con la sua auto nel parcheggio dell’area Pieri e avrebbe quindi rivolto l’arma in suo possesso contro di sé, uccidendosi.

Poco prima dell’estremo gesto aveva postato un messaggio sulla sua bacheca Facebook: “Direi che adesso può bastare”, frase che ha lasciato nello sgomento più assoluto quanti gli erano vicini. Sul posto è intervenuta la polizia scientifica per effettuare tutti i controlli del caso. Dopo poco il magistrato ha dato il nulla osta per la rimozione del corpo, che è stato messo a disposizione della famiglia.

Luciano Berti era un intenditore di vino, aveva lavorato per la Garofoli e poi era stato al vertice del settore commerciale della Monteschiavo prima di aprire con la moglie Rita il locale ‘Morsi&Sorsi’.

Davide Lazzini
14 ottobre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook