Maltempo: Liguria e Toscana prorogano l’allerta meteo, isolati alcuni paesi

Maltempo: Liguria e Toscana prorogano l’allerta meteo, isolati alcuni paesi

magraFIRENZE – E’ stata prorogata fino alle 18 di oggi l’allerta meteo in Toscana, che sarebbe dovuta scadere alla mezzanotte di lunedi. Secondo le previsioni della Protezione civile regionale, si prevedono temporali anche forti fino alle 12 di domani, che potranno essere accompagnati da grandinate e da raffiche vento. Gli accumuli medi previsti sono di 50-70 mm nella fascia nord-occidentale, di 30-40 mm su costa e territori centrali e di 20-30 mm sui territori sud-orientali. Gli esperti prevedono una media oraria di accumulo pari a circa 50 mm di pioggia. I maggiori accumuli, dai 100 ai 150 mm, si registreranno nell’area interna della parte nord-occidentale della Regione.

Nei bacini del Sieve, Medio Valdarno, Ombrone, Bisenzio,Valdarno inferiore e Reno Santerno l’allerta durerà fino alle 12 di oggi. Allerta che resterà invece in vigore fino alle 18 nei bacini Cecina, Cornia, Arcipelago, Elsa, Era, Ombrone grossetano, Greve Pesa, Casentino, Valdarno superiore, Orcia, Bruna e Albegna. Anche nei bacini Chiana, Tevere e Flora l’allerta scattata ieri alle 22 si protrarrà almeno fino alle 18 odierne.

Nello spezzino la situazione rimane critica e l’allerta meteo livello 2 è stata prorogata fino alle 6 di stamani, non si escludono altre proroghe a causa della piena del fiume Magra che, nella zona di Pontremoli, assieme alle piogge ha causato i disagi maggiori: alcune frazioni della Lunigiana sono infatti isolate a causa delle frane che hanno interrotto le vie d’accesso.

Danni anche in Versilia: a causa di una tromba d’aria abbattutasi a Forte dei Marmi, un albero è caduto sopra due automobili ed è stato distrutto uno stabilimento balneare. Problemi anche a Lucca, nella Piana e nella Mediavalle a causa di un forte nubifragio che ha messo a reso difficoltoso l’utilizzo di diverse strade. A Livorno, a causa della quantità di pioggia caduta in poco tempo, il sottopasso di via Firenze è stato chiuso e molte strade sono state allagate.

Sempre per allagamenti la superstrada Firenze-Pisa-Livorno è rimasta chiusa al traffico per un’ora tra Montopoli Valdarno e Pontedera dalle 20 alle 21 di ieri. La pioggia battente ha creato disagi anche a Pontedera e a Pisa, dove in un’ora sono caduti 10 millimetri di pioggia. Qualche disagio l’ha causato anche il vento forte, che soffiava a 50 chilometri orari e che ha provocato la caduta di rami, in particolar modo sul litorale. Situazione critica anche a Cascina, dove si registrano diversi scantinati allagati.

La perturbazione ha inoltre colpito duramente la zona del Pistoiese, con vento e pioggia che, a partire dalle 17 di ieri, hanno cominciato a flagellare l’area. Le forti raffiche di vento, intorno alle 18, hanno sradicato due alberi che si sono abbattuti sulla carreggiata all’altezza di San Felice.

La Protezione civile raccomanda di evitare l’attraversamento di strade inondate e sottopassi allagati in quanto la profondità e la velocità dell’acqua potrebbero essere maggiori di quanto non sembri. Attenzione alla circolazione anche in strade all’apparenza sicure: i tombini potrebbero aver subìto dei danni. Evitare di transitare o sostare lungo gli argini dei corsi d’acqua, sopra i ponti e le passerelle. Posizionare infine delle barriere per evitare che l’acqua possa allagare locali posti sotto il livello della strada, come cantine e box sotterranei.

Davide Lazzini
14 ottobre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook