Scomparsa una donna a San Giuliano Terme

E’scomparsa a San giuliano terme una donna, Roberta Ragusa. La scomparsa è avvenuta tra venerdì e sabato di notte. La nota trasmissione televisiva chi l’ha visto si è recata presso l’abitazione della donna, titolare di un autoscuola, la Autoscuola Futura. L’inviato ha poi discusso con i famigliari per cercare di fare luce attraverso le loro testimonianze sul caso. E emerso dalle dichiarazioni del marito che questo comportamento non è associabile a Roberta, non avrebbe mai lasciato i propri figli in questa maniera secondo i suoi famigliari.

Roberta è madre di due figli di dieci e quindici anni. La famiglia ipotizza per ora che probabilmente un colpo subito dalla donna durante una caduta in casa potrebbe aver generato uno stato confusionale e un amnesia. Si pensa dunque che dietro la scomparsa ci sia uno stato di incoscienza post traumatico. I cani molecolari hanno già analizzato le strade nella vicinanza dell’abitazione arrivando a seguire la vicina ferrovia fermandosi proprio lungo i binari. Appare evidente che le ultime tracce seguite dai cani finiscono proprio lungo i binari. I famigliari si stringono insieme in queste ore di angoscia rivolgendo un appello tramite le telecamere dichiarando. “ Roberta se ci vedi torna a casa”. Inoltre persino il figlio usando il noto social network Facebook ha lasciato in bacheca questo messaggio:  “Questo non è uno scherzo. Mia madre è scomparsa questa mattina presto, abbiamo già avvertito le forze dell’ordine ma chiedo anche il vostro aiuto. E’ senza documenti, probabilmente in pigiama, qui i suoi dati anagrafici:

Nome: Roberta
Cognome: Ragusa
Sesso: F
Data di nascita: 21/03/67
Luogo di nascita: Roma
Residenza (e luogo della scomparsa): Via Ulisse Dini 210 San Giuliano Terme (PI)

Vi prego fatevi sentire se l’avete vista e vi prego di condividere e postare questo messaggio su ogni pagina o gruppo che c’entri con Pisa e con i vostri amici. Grazie a tutti. Daniele Logli”.
La situazione è per ora avvolta dal mistero.

Manuel Giannantonio

19 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook