Ascoli Piceno: ritrovato sfigurato il cadavere della donna scomparsa – si tratta di omicidio

di Roberto Mattei

“Melania” è stata uccisa. Ritrovato il cadavere.
Il volto completamente tumefatto e una siringa conficcata nel petto.

Era scomparsa qualche giorno fa durante una gita fuori porta a San Marco, il colle che sovrasta Ascoli Piceno, una località molto frequentata, soprattutto nei week end. Carmela Rea, 29 anni, detta “Melania”, si trovava nell’area giochi con la figlioletta di circa 2 anni e il marito, un caporal maggiore dell’esercito in servizio presso il vicino 235mo Reggimento Piceno, quando aveva manifestato la necessità di allontanarsi per un bisogno fisiologico.

Da allora non si avevano avuto più notizie della giovane mamma. Si era pensato ad un allontanamento volontario o addirittura a un suicidio generato da una depressione post-parto, di cui la donna avrebbe sofferto qualche anno prima. Niente di tutto ciò. Il corpo è stato ritrovato questo pomeriggio nel vicino Abruzzo, in località Ripe di Civitella, un centro abitato che dista una decina di chilometri dal luogo della scomparsa.

Il volto completamente sfigurato e una siringa conficcata in petto non hanno lasciato dubbi agli investigatori: la donna è stata uccisa.

La paura adesso è tanta, visto che circa tre mesi fa nella stessa zona, era stato rinvenuto il cadavere di Rossella Goffo, la funzionaria della prefettura di Ancona, per il cui omicidio è tutt’ora indagato un amico della donna che si è sempre dichiarato innocente.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook