Piano del Ministero per salvare gli ulivi dall’epidemia

Piano del Ministero per salvare gli ulivi dall’epidemia

uliviLECCE – Preoccupa l’avanzata dell’epidemia che sta colpendo molte piante d’ulivo presenti nel territorio pugliese: un pool di esperti di caratura nazionale e internazionale sarà presto operativo per indagare sulle cause del fenomeno e sulle possibili soluzioni da attuare per salvare le piante malate e quelle ancora sane dal contagio. In un primo tempo si è attribuita la responsabilità della morìa alla Xylella, il cosiddetto rodilegno giallo, un insetto endemico del salento, ma nuove indagini stanno portando alla luce elementi che potrebbero presto svelare altri agenti infestanti e nocivi per le piante.

Il Ministero delle politiche agricole ha varato un piano per combattere l’epidemia che potrebbe compromettere i 23000 ettari di uliveti presenti in provincia di Lecce. Attraverso la messa a punto di un Decreto legge saranno estesi i controlli nei vivai, verranno bloccate le importazioni di ulivi ritenuti ‘a rischio’ in ambito comunitario e verrà istituito un fondo speciale per far fronte ai danni finora causati all’economia e agli agricoltori dalla malattia infestante.

All’interno del Decreto saranno inseriti strumenti – anche di valenza giuridica – straordinari, come la nomina di un commissario con funzioni di coordinamento e di vigilanza sull’attività che gli operatori andranno a svolgere. L’urgenza è massima anche alla luce delle nuove scoperte compiute dagli esperti: sarebbero noti anche casi di attacco batterico verso oleandri, mandorli e ciliegi.

Davide Lazzini
24 agosto 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook