Foligno: Violentata e sequestrata dall’ex

Un trent’enne residente a Bevagna, si è reso protagonista di un insano gesto nei confronti della propria ex ragazza costringendola a fare sesso con lui dopo averla imprigionata e ripetutamente picchiata. E’ stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di sequestro di persona, rapina, lesioni personali, violenza sessuale e detenzione di stupefacenti. La ragazza era andata a casa dell’ex fidanzato per recuperare oggetti personali dimenticati nell’appartamento che condividevano prima. Il ragazzo però non ha più lasciato uscire la giovane rompendogli il cellulare togliendoli così immediatamente qualsiasi possibilità di comunicazione esterna per poi picchiarla brutalmente costringendola ad un rapporto sessuale.

Solo con l’arrivo dei carabinieri, che sono arrivati grazie a una chiamata della coinquilina della vittima, la ragazza è stata liberata. Sapeva dove si trovava in quanto prima di uscire la giovane aveva accuratamente spiegato che sarebbe andata dall’ex per recuperare effetti personali. Consapevole della cosa l’amica si è diretta a casa del ragazzo che vedendola arrivare non ha esitato un attimo a scendere di casa sequestrargli le chiavi della macchina e sferrargli un pugno in pieno volto. La ragazza fortunatamente è riuscita a fuggire e a dare l’allerta ai carabinieri della stazione di Bevagna che hanno immediatamente raggiunto l’abitazione, liberato l’ostaggio è arrestato il ragazzo. Immediatamente portato al pronto soccorso le ragazze sono state curate. La vittima ha riscontrato inoltre, la rottura di due costole. La prognosi dei medici è di 20 giorni e sette all’amica che ha subito il pugno in pieno volto. Perquisita dai carabinieri la casa del giovane, all’interno della quale sono stati rinvenuti anche 20 grammi di Marijuana. Arrestato dunque anche per detenzione di stupefacenti il trent’enne ora si trova nel carcere di Capanne.

di Manuel Giannantonio

2 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook