Emilio Fede intercettato: “La vicenda Berlusconi? Mafia, soldi, mafia, soldi”

Emilio Fede intercettato: “La vicenda Berlusconi? Mafia, soldi, mafia, soldi”

La conversazione è stata registrata dal personal trainer di Fede, Gaetano Ferri. Il giornalista però nega tutto: “E’ un calunniatore e un delinquente”

emilio-fede-intercettatoBerlusconi, Mangano, Dell’Utri, ma anche Santanchè e Briatore. Sono state una vera e propria “bomba” sul panorama politico e giudiziario italiano le registrazioni consegnate da Gaetano Ferri , ex personal trainer di Emilio Fede, ai magistrati di Monza, che le hanno subito inoltrate alla Procura di Palermo nell’ambito dell’indagine sulla trattativa Stato-mafia.

“C’è stato un momento in cui c’era timore(…)- dice Fede – Che loro hanno messo Mangano (il boss morto in carcere noto come lo stalliere di Arcore ndr) attraverso Marcello (Dell’Utri ndr)”. Si passa poi a parlare delle finanze di Dell’Utri: “Guarda a Berlusconi cosa gli sta mangiando. Perché lui è l’unico che sa… Ti rendi conto che ci sono 70 conti esteri, tutti che fanno riferimento a Dell’Utri?”

Non solo però nomi già noti per trascorsi con la mafia; vero fulmine a ciel sereno è stato un altro stralcio di conversazione, riguardante Flavio Briatore e Daniela Santanchè: “Briatore è stato implicato in una storia grossa di mafia, l’autobomba lì che ha ucciso un industriale a Cuneo… e loro due erano insieme, la Santanchè e Briatore”. La deputata di Forza Italia è definita senza mezze misure da Fede: “una mascalzona” per poi affermare “Io sapevo che loro avevano il Billionaire insieme, sì, il Twiga eccetera… ma all’origine, Flavio è stato implicato in una storia di mafia”

Non si è fatta attendere la replica dell’ex direttore del Tg4, che attacca in prima persona Ferri: “E’ un truffatore, è stato in galera, imbrogliava la gente travestito da rappresentante delle forze dell’ordine”, affermando inoltre di averlo già denunciato per calunnia e minacce gravi nel maggio 2014.

Guido Accardo
24 luglio 2014

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook