Fughe di monossido di carbonio: 3 morti

Ieri pomeriggio a Genova una donna di 77 anni è morta nella sua abitazione per asfissia causata da un’intossicazione provocata dall’impianto di riscaldamento che avrebbe perso una gran quantità di gas. A lanciare l’allarme è stato un parente della donna che è stata trovata priva di vita, il suo arrivo ha permesso ai vicini di salvarsi.

Trasportati d’urgenza all’ospedale  San Martino di Genova sono poi stati ricoverati per intossicazione, due di loro è più grave ed ora si trovano in camera iperbarica, ma solo uno vige in condizioni definite molto gravi.
Il monossido di carbonio ha ucciso anche due fratelli nel modenese. I due, celibi e pensionati, di 64 e 57 anni, sono stati rinvenuti cadaveri nella loro casa a Fanano, la causa della morte il malfunzionamento di una vecchia stufa a gas. A lanciare l’allarme anche in questo caso i parenti che li stavano aspettando per il pranzo di Natale e preoccupati hanno chiamato i Vigili del Fuoco ed i Carabinieri.

di Francesco Finulli

26 dicembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook