Naufragio a Lampedusa, 17 vittime. Renzi: “L’Europa salva le banche, non i profughi”

Naufragio a Lampedusa, 17 vittime. Renzi: “L’Europa salva le banche, non i profughi”

NAUFRAGIO-LAMPEDUSA200 sopravvissuti e 17 vittime. È questo il bilancio provvisorio del naufragio avvenuto ieri ad un centinaio di miglia dalle coste di Lampedusa: l’ennesimo viaggio della speranza, questa volta di ben 400 migranti, trasformato in un’altra tragedia del mare.

Il primo ad avvistare il barcone è stato l’equipaggio di un rimorchiatore, che ha subito segnalato la presenza dell’imbarcazione, attivando così l’operazione Mare Nostrum: la fregata Grecale,il pattugliatore Sirio della Marina militare e tre motovedette, due della Capitaneria di porto e una della Guardia di finanza, sono immediatamente intervenute per trarre in salvo i naufraghi.

Superata la fase del recupero corpi e del salvataggio di circa 200 superstiti, si è riaccesa la polemica italiana contro il mancato intervento dell’Ue. Alle parole accorate del commissario europeo degli affari esteri Cecilia Malmstroem, che si è detta “profondamente sconvolta per la nuova tragedia avvenuta in mare”, è seguita la fredda risposta del ministro dell’Interno Alfano. “Ci sono tanti morti vicino alla Libia, le nostre navi sono lì a recuperare i morti e a soccorrere i vivi, l’Europa non ci sta aiutando a soccorrere queste persone, si faccia carico di accogliere i vivi” – ha detto il ministro -“L’Italia non può diventare la prigione dei rifugiati politici .A quelli che in Italia ogni giorno ci attaccano perché facciamo il soccorso ed evitiamo i morti noi chiediamo di fronte a questi altri morti di passarsi una mano sulla coscienza”.

Le rassicurazioni della Malmstroem sull’eventuale discussione del problema immigrazione al prossimo Consiglio affari interni, non sono riuscite a placare le proteste isolane e lo stesso sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini si è rivolto a Renzi, spingendolo a pretendere dall’Europa “soluzioni condivise, urgenti, e soprattutto diverse dalla sola sorveglianza a mare, perché altrimenti le stragi in mare non si fermeranno mai”.

Un appello, quello della prima cittadina di Lampedusa, che ha raggiunto immediatamente la Presidenza del Consiglio: il premier,ospite del programma Quinta Colonna, ha lanciato il suo monito all’Ue invitando le istituzioni a non girarsi dall’altra parte .”L’Europa ci lascia soli”- ha esordito Renzi – “Non può salvare gli Stati, le banche e poi lasciare morire le madri e i bambini”.

La procura di Agrigento aprirà ora un’inchiesta ‘atti relativi al naufragio’ ma, secondo il Procuratore Capo Di Natale, ” solo se le vittime del naufragio verranno portate nell’agrigentino, tra le coste di Lampedusa e di Porto Empedocle”.

Benedetta Cucchiara
13 maggio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook