Violenza fuori l’Olimpico. Tre tifosi feriti prima di Fiorentina – Napoli

Violenza fuori l’Olimpico. Tre tifosi feriti prima di Fiorentina – Napoli

stadio-olimpicoCi risiamo. Ritorna la violenza nel calcio  e  perde lo sport. Gli appelli della vigilia del Papa si sono persi nel vuoto. Tre tifosi del Napoli sono stati feriti nel primo pomeriggio a Roma, prima della finale di Coppa Italia, Fiorentina Napoli. Gli scontri più duri sono avvenuti a Tor di Quinto. Due dei supporter azzurri, una dei quali in modo preoccupante, sono stati ricoverati all’ospedale Villa S. Pietro. Il terzo tifoso invece, colpito alla mano da un colpo da arma da fuoco, è stato trasportato all’ospedale Santo Spirito. Il ferimento dei tre, comunque, come ha confermato in seguito la polizia,  non è dovuto a scaramucce attinenti alla partita tra le due squadre, ma ad atti di violenza comune che ha avuto il suo epilogo proprio nel momento del passaggio di alcuni gruppi di fans partenopei nella zona del misfatto.

Le forze dell’Ordine hanno poi ritrovato in un cespuglio, a pochi metri dallo stadio una pistola che molto probabilmente dovrebbe essere quella che ha ferito gravemente  il 30enne  napoletano alla schiena, operato poi urgentemente.

La giornata di violenza comunque non si è esaurita qui. Pre – partita violento anche in altre zone della città.  Oggetti da parte di alcuni gruppi di esagitati sono stati lamciati contro le forze dell’Ordine nei pressi di Ponte Milvio, mentre altre dieci persone sono state ferite nei pressi dello stadio, prima del match. La partita è iniziata con 45 minuti di ritardo, con le due tifoserie, in particolare quella del Napoli che, ad inizio partita, non ha sventolato alcun vessillo. Fischiato l’inno di Mameli, mentre fumogeni ed alcuni petardi, nonostante la presenza di Hamsik recatosi sotto la curva per spiegare  ai tifosi cosa fosse veramente successo, sono stati lanciati sulla pista con grave rischio di colpire alcuni  dirigenti del Napoli, e i numerosi steward presenti.

L. R – redazione Napoli
3 maggio 2014

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook