Studente 15enne in gita cade dalla nave a Barcellona e muore

Studente 15enne in gita cade  dalla nave a Barcellona e muore

studente15ennegitaUn viaggio di istruzione come tanti…

Partenza presto, imbarco da Civitavecchia su una nave della Grimaldi Lines (a bordo anche la preside), direzione Barcellona, patria del divertimento e dei locali, ma soprattutto tanta eccitazione per alcuni adolescenti del Liceo scientifico, Ettore Majorana, di San Giovanni la Punta, nel catanese, partecipanti ad uno stage «Amare leggere».

Poi ieri notte, intorno alle 2,30, mentre la nave era ormeggiata, un quindicenne, alunno dell’istituto è morto, precipitando dall’imbarcazione.

Secondo le prime testimonianze dei compagni di classe, ancora notevolmente scossi per l’accaduto, l’adolescente di ritorno da una escursione era sul ponte con altri ragazzi, sicuramente non lucido secondo quanto riferiscono gli astanti: uno scatto verso il bordo della nave e una folle corsa verso il mare.

È partito subito l’allarme ma l’equipaggio di bordo non ha potuto fare niente altro che recuperare il cadavere un’ora dopo.

«Una tragedia, una tragedia!». E’ il commento sconsolato della vicepreside, Maria Teresa Rizzo, che questa mattina si è recata dai genitori del ragazzo, figlio unico di un’insegnante e un direttore di banca per esprimere il cordoglio della scuola.

I genitori sono poi partiti per Barcellona dove è stata disposta l’autopsia del ragazzo ed è stata aperta l’inchiesta per capire la dinamica dell’incidente.

Rimane un interrogativo profondo sul perché della metamorfosi di tanti ragazzi normali che nei cosiddetti viaggi di istruzione trasgrediscono a tal punto da far verificare episodi come questo di ieri…

Una smodata voglia di divertirsi o un nichilistico volontà di “sfasciarsi”? Se fino a qualche decennio in gita sul pullman fa si intonava “azzurro” oggi non raro sentire cori da ultras che ad esempio cantano: “bevo, bevo, bevo e son felice anche se poi vomito”!

Sinistro e di inquietante!

Cristian Cavacchioli
1 aprile 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook