Scoperto a Roma un tesoro custodito da rom, che si dichiaravano nullatenenti

Scoperto a Roma un tesoro custodito da rom, che si dichiaravano nullatenenti

Dichiaravano il falso, quando in realtà erano milionari. La Guardia di Finanza ha smascherato venti rom, in possesso un patrimonio di oltre 2 milioni d’euro.

Fingevano di essere nullatenenti, riuscendo così ad usufruire di alloggio ed utenze, non pagando acqua, gas, energia elettrica e spazzatura, tutte a carico di Roma. In realtà i venti rom, che soggiornavano presso campi nomadi, autorizzati dalla Capitale, erano tutt’altro che poveri. I finanzieri del comando provinciale di Roma hanno sequestrato loro un vero patrimonio, tra cui oro, monili e collane, custoditi nelle cassette di sicurezza delle banche, che superava il valore di 2 milioni di euro.

Non stupisce poi, che siano emerse dalle indagini considerevoli somme di denaro, appartenenti ad alcuni di questi individui, su conti correnti, insieme ad azioni e obbligazioni.Oltre a ciò, le stesse persone risultano coinvolte in numerose azioni criminali, quali rapine e reati per furti. Tutti questi elementi, raccolti dalla Guardia di Finanza,sono stati utili per far scattare  venti provvedimenti di confisca dei beni, da parte della Sezione prevenzione del Tribunale di Roma.

di Serena Santoli

20 gennaio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook