Milan – Ajax, scontri tra tifosi e manifestanti del movimento dei Forconi: 6 feriti

Milan – Ajax, scontri tra tifosi e manifestanti del movimento dei Forconi: 6 feriti

scontri milano forconiGravi disordini a Milano prima della partita di Champions League tra Milan e Ajax. Sei persone sono rimaste ferite, delle quali la più grave, un olandese di 24 anni, è stata sottoposta ad un’operazione chirurgica all’ospedale di Niguarda, dove era giunta con una lesione all’arteria femorale. Le sue condizioni sono in lieve miglioramento e dovrebbe essere fuori pericolo, nonostante i medici continuino a mantenere la prognosi riservata.

Un altro ultras olandese di 28 anni, ricoverato al San Carlo con ferite multiple da taglio all’addome, alla schiena e alle gambe, ha subito l’asportazione della milza, ma è comunque fuori pericolo. Al San Paolo, invece, si trova un tifoso orange ferito da una coltellata al fianco destro. Altri due olandesi, che hanno subito lesioni dichiarate non gravi, sono stati dimessi già nella nottata di ieri, mentre un senegalese di 39 anni, coinvolto nei tafferugli, è stato dimesso con 15 giorni di prognosi per una ferita ad un gluteo.

Come riferito dalla Questura di Milano, la Digos del capoluogo lombardo ha arrestato nove persone, accusate di lesioni e violenza in concorso, mentre un altro tifoso è stato denunciato a piede libero.
Gli sconti hanno preso inizio ieri mattina, quando una ventina di tifosi dell’Ajax avevano aggredito, in piazzale Loreto, alcuni manifestanti del movimento dei Forconi che avevano occupato alcune delle vie che consentono l’accesso alla piazza. La tensione è salita al massimo quando in piazzale Loreto doveva transitare un pullman che trasportava i tifosi dell’Ajax, i quali, spazientiti dall’attesa, hanno aggredito il blocco di manifestanti. Le violenze, poi, sono andate avanti per tutta la giornata, anche nel centro della città, e hanno portato all’accoltellamento degli olandesi, il quale, dunque, sarebbe da configurare come una vendetta.

Giuseppe Ferrara
12 dicembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook