Terminato il riesame al Tribunale dell’Aquila: attesa la decisione sulla scarcerazione di Parolisi

di Patrizia Tarli

L’Aquila – i legali di Parolisi durante l’udienza che si è svolta a porte chiuse hanno presentato una corposa documentazione al fine di smontare la ricostruzione dell’accusa.

Una memoria difensiva basata sull’analisi delle celle telefoniche e sui risultati relativi alle tracce di DNA rinvenute sulle labbra di Melania – tre i periti di fama coinvolti per costruire la difesa del Caporalmaggiore: il medico legale Lorenzo Varretto, che nel 2009 smontò la superperizia della Procura, demolendo l’impianto accusatorio contro Alberto Stasi; Emiliano Giardina, genetista dell’università Tor Vergata e consulente per la difesa di Raniero Brusco, il fidanzato di Simonetta Cesaroni nel giallo di via Poma, ha dichiarato che sono state rinvenute sei tracce di dna maschile sul corpo della 29enne di Somma Vesuviana,  tutte incompatibili con Parolisi, precisamente sotto le unghie della donna e che difficilmente si potrebbe trasmettere con una stretta di mano; Roberto Cusani, docente universitario di telecomunicazioni, che si è occupò della scomparsa della piccola Denise Pipitone e che contesta l’ipotesi che Melania non sia mai stata a Colle San Marco.

Il caporalmaggiore è entrato in aula alle 10.38 di questa mattina – tra commozione e lacrime ha rilasciato dichiarazioni spontanee non cambiando una virgola rispetto alla ricostruzione originaria su ciò che avvenne nella giornata del 18 aprile e ribadendo la sua innocenza.

L’udienza è terminata attorno alle 15.30 – il Caporalmaggiore è stato di nuovo condotto presso il carcere di Castrogno (Teramo), mentre i suoi legali hanno dichiarato al folto gruppo di giornalisti che circondavano il Tribunale che si ritengono “soddisfatti di come sono andate le cose”.

Il collegio, presieduto da Giuseppe Romano Gargarella e costituito dai giudici Bianca Maria Serafini e Anna Maria Tracanna, si è riservato di decidere sull’istanza di scarcerazione entro la giornata di domani, in coincidenza con la scadenza dei termini.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook