Terremoto magnitudo 5,2 nel nord Italia: epicentro in Toscana, crolli e un ferito in Lunigiana

Terremoto magnitudo 5,2 nel nord Italia: epicentro in Toscana, crolli e un ferito in Lunigiana

Torna a tremare la terra nel nord Italia dove stamani, alle 12:33, è stata registrata una scossa di magnitudo 5.2 con epicentro in Toscana, per la precisione a 2 chilometri da Fivizzano (Massa Carrara), e con profondità di 10 km. La scossa è stata avvertita in maniera distinta anche in Emilia, Lombardia, Piemonte e Liguria.

In Toscana le popolazioni più vicine all’epicentro si sono immediatamente riversate nelle strade, a Postella una persona è rimasta ferita, mentre a Casole Lunigiana e Fivizzano sono stati registrati danni ad alcune abitazioni che hanno riportato crolli parziali. Equi Terme è invece rimasta isolata a causa di unna frana. Non si registrano comunque feriti gravi o richieste di soccorso.

Riccardo Ballerini, sindaco di Casola in Lunigiana, ha lasciato questa dichiarazione ai microfoni di Sky tg24: «Non abbiamo ricevuto notizie di danni a persone, ma solo di consistenti danni materiali. Ci sono prime notizie allarmanti su crolli di mura, come quello della vecchia chiesa e di altre parti del comune. Già sabato c’è stata una forte scossa e adesso altre sono in atto su tutto il territorio».

Difatti dopo la prima scossa delle 12:33, ne sono seguite altre di minor entità. L’Ingv ha registrato ben 13 scosse, di magnitudo variabile da 2.0 a 3.8, l’ultima è stata registrata alle 13:58, con magnitudo 3 ed epicentro a Casola in Lunigiana.

In questo momento la Protezione Civile sta verificando la situazione nei comuni più vicini all’epicentro ovvero tra le province di Massa Carrara e Lucca.

E. F.

(Twitter @FerdinandiE)

21 giugno 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook