Intervista a Paolo Conticini, dal 17 ottobre a teatro con “The Full Monty”

Intervista a Paolo Conticini, dal 17 ottobre a teatro con “The Full Monty”

L’intervista di oggi è dedicata a Paolo Conticini, uno tra i volti più apprezzati della televisione italiana, attore di teatro, fiction e cinema, nonché conduttore televisivo. Grazie all’incontro con Christian De Sica, inizia la sua carriera da attore, all’età di 23 anni, con “Uomini uomini uomini”.

Noto al grande pubblico principalmente per il ruolo di Gaetano Berardi nella fiction televisiva “Provaci ancora prof!”, Paolo Conticini ama il teatro e nei prossimi giorni è previsto il debutto a Torino del musical “The Full Monty”, per la regia di Massimo Romeo Piparo e con Luca Ward, già suoi compagni di avventure nello spettacolo campione di incassi “Mamma mia!”. Ecco la nostra intervista…

Buon pomeriggio! Tutto ha avuto inizio con l’incontro con De Sica. Com’è oggi il vostro rapporto? Permane l’intesa dopo molti anni?

Buon pomeriggio! Il rapporto tra noi due è ottimo. Ho iniziato con lui in maniera del tutto casuale, non avevo mai frequentato una scuola di recitazione o di teatro, ho partecipato a due provini, “Belle al bar” di Benvenuti e “Uomini uomini uomini” di De Sica e il secondo è andato a buon fine. Da lì è iniziato un sodalizio artistico, ma anche di grandissima stima e amicizia tra noi, che permane ancora oggi.

Cosa le ha lasciato invece la recente collaborazione con Portobello?

Portobello è stata un’emozione enorme, perché era una delle trasmissioni televisive più attese da me da piccolo, con trepidazione. Quando Antonella mi ha chiamato, quindi, non ci credevo ed è stata un’esperienza bellissima.

Parliamo di “Provaci ancora prof!”. Quale apporto ha dato alla sua carriera? Possiamo aspettarci una nuova stagione?

“Provaci ancora prof!” mi ha fatto conoscere al grande pubblico, è stata una fiction di grandissimo successo, fortunata e azzeccata sotto tutti i punti di vista, quelle ciambelle col buco che riescono. Sono particolarmente affezionato a questa fiction per tantissimi motivi. Quando mi diedero la descrizione del mio personaggio, non riuscivo a credere alla somiglianza con il mio carattere, per cui molte cose sul set mi sono risultate facili e spontanee. Si farà la nuova stagione? Credo che sarebbero dei pazzi a non farla.

Che consiglio si sente di dare a tutti i ragazzi che voglio intraprendere la carriera da attore?

È un mestiere fatto sull’acqua, difficilissimo; bisogna crederci fino in fondo ed è necessaria anche una buona dose di fortuna. Il consiglio che do ai ragazzi che iniziano è di studiare, di dedicarsi anche a un’altra carriera parallela a quella dell’attore, perché è una passione che purtroppo non sempre può trasformarsi in mestiere della vita. Bisogna prenderlo come un gioco e, se risultasse possibile avere un futuro concreto in questo settore, dedicarsi allora a pieno, con studio e costanza.

Quali sono i progetti futuri?

Stiamo lavorando attivamente al musical “The Full Monty”, con Luca Ward, Nicolas Vaporidis, Gianni Fantoni e Jonis Bascir, che debutterà al Teatro Colosseo di Torino dal 17 al 20 ottobre, per poi continuare la tournée in giro per l’Italia.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook