Teatro in lutto: si è spento Luca De Filippo, figlio di Eduardo

Teatro in lutto: si è spento Luca De Filippo, figlio di Eduardo

Il mondo del teatro è in lutto. Si è spento oggi a Roma, per un male incurabile nella sua abitazione Luca De Filippo, figlio del grande Eduardo. L’artista, attore e regista teatrale, aveva 67 anni. Famose le sue prime apparizioni sul palcoscenico all’età di sette anni quando interpretò il personaggio “Peppeniello” nella commedia “Miseria e Nobiltà.”di Eduardo Scarpetta con la famosa frase” Vicienz m’è pat’ a me.”

A vent’anni il suo primo e vero debutto da grande nella commedia “Il figlio di Pulcinella” di Eduardo con la regia di Gennnaro Magliulo. Insieme al padre, Luca diventa protagonista in numerose opere teatrali prettamente napoletane, alcune di queste di grande richiamo, come: “Filomena Marturano”,  “Non ti pago”,  “Il sindaco del rione Sanità” e Natale in casa Cupiello”. Notevole anche il suo impegno nel cinema. Nel 1967, tra i suoi compagni di lavoro c’è Carlo Giuffrè nella serie televisiva “Quel negozio di piazza Navona”.

Nel maggio 2003, Luca De Filippo debutta sempre al teatro S. Carlo, con la regia di Francesco Rosi, nella nuova versione di “Napoli Milionaria”. L’artista ottiene successi strepitosi anche in tournée nel terzo allestimento di Eduardo di “Filomena Marturano” insieme a Lina Sastri.

Nel 2009, ricorda suo papà  Eduardo con ‘Papà Cicogna.” L’anno successivo è regista e attore della commmedia “La bugia con le gambe lunghe”. Da quest’anno, aveva accettato di dirigere la Scuola di Recitazione del teatro Stabile di Napoli per insegnare ai giovani l’arte del teatro.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook