Attori di noi stessi sul palco, con Jodorowsky

Attori di noi stessi sul palco, con Jodorowsky

JodorowskyPuò un seminario di psicomagia di  un giorno cambiare il percorso individuale di una vita intera?
Probabilmente no, ma sicuramente può regalare momenti di magia e luci per illuminare il proprio passato, specie se a tenerlo è Alejandro Jodoroswky. Questo arzillo signore di 83 anni, è scrittore, mimo, attore, regista cinematografico, autore di teatro, poeta, romanziere, sceneggiatore di fumetti, nonché, “psicomago”, come ama definirsi lui stesso.
LivingUp, agenzia di comunicazione ed organizzazione di eventi legati al benessere, nonché portale di informazione e notizie volte ad offrire  positività e armonia, ha organizzato l’evento di martedi 18 giugno 2013 al Teatro S Babila di Milano.
Vedere questo signore che si muove libero fisicamente e mentalmente sul palco, che racconta dei suoi fallimenti con leggerezza e della realizzazione dei suoi progetti con entusiasmo, rende tutto più credibile;  anche  le sue richieste un po’ bizzarre. Ecco quindi l’intera platea che ad un suo cenno intona suoni per realizzare un Egregor, parola che, nell’esoterismo, indica un’entità fisica o psichica prodotta dalla potente corrente spirituale di una collettività. Ecco, cantano tutti, anche le persone più serie, più riservate, quelle che…chi l’avrebbe mai detto…..
Comincia cosi Jodoroswky, a destrutturare la nostra quotidianità, la ripetitività delle nostre azioni, per arrivare dritti al cuore. Al cuore di quel bambino che ognuno di noi è stato, che ha urlato nella notte e non è stato ascoltato dai genitori e si è portato dentro l’ampiezza di quel grido. Ha provato anche a reagire, ma la paura di vedersi rifiutato, punito o abbandonato dal clan famigliare, ha vinto sulla sua lotta. Anche a scuola siamo stati quello che i maestri hanno voluto che fossimo. Ed eccoci ora, adulti insoddisfatti, ancora  incapaci di staccare quei legami che tanto ci generano malessere, ancora appesantiti dalla visione che gli altri hanno di noi, che forse è una parte di noi, ma non è NOI; come un uovo che può dare origine ad un uccello, ma non è ancora un uccello. E allo stesso modo, noi abbiamo solo una  visione della realtà del mondo ma non conosciamo la realtà, perché il nostro sguardo è limitato dalle limitazioni che gli altri ci hanno imposto.
Ecco, il regalo più grande di questo seminario, oltre la condivisione con i partecipanti: si può  destrutturare la ripetitività talvolta compulsiva talaltra rassicurante del nostro vivere, si può riscrivere il nostro programma. Questa è la direzione per arrivare ad unire le energie del nostro essere che in genere sono chiuse in rigidi schemi: quello intellettuale, emozionale e sessuale. E’ solo unendo i tre schemi in uno aperto in continua evoluzione,  che si crea. E creando ci sentiamo liberi.

Raffaella Roversi
19 giugno 2013

Info:
LIVINGUP
via Luigi Cagnola, 3
20154 Milano
Tel. +39 3427573829
email: [email protected]

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook