Tanti giovani al S. Paolo per la “Partita del Sole,” simbolo della Solidarietà e Legalità

Tanti giovani al S. Paolo per la “Partita del Sole,” simbolo della Solidarietà e Legalità

Circa 25mila spettatori, tra cui molti ragazzi delle scuole di Napoli e Provincia, hanno assistito in mattinata sotto il primo solleone estivo, alla “Partita del Sole,” primo evento organizzato dall’ Associazione Calciatori attori italiani Onlus dedicato alla valorizzazione dello Sport come strumento per l’Integrazione, la Solidarietà e la Legalità; temi certamenti difficili da far rispettare in una società in cui spesso non ci si comporta da persone civili.

A scendere in campo, nella manifestazione patrocinata dall’Unicef che ha preso il via intorno alle 11,00   con il triangolare di calcio sono state le due squadre composte, la prima  dai magistrati, la seconda da ex calciatori del Calcio Napoli. Tra gli uomini della giustizia hanno tirato calci al pallone Cesare Sirignano, Federico Cafiero De Raho, Raffaele Cantone, Luca Palmara e Franco Roberti. In campo poi si sono rivisti gli ex calciatori del Napoli, Carnevale, Careca, Giordano, Francini. Prima dell’inizio del triangolare sul palco si sono poi avvicendati gli artisti: Ida Rendano, Rosario Miraggio, Maurizio Aiello, Francesco Cicchella, Mino Abbacuccio, Dalila, Marco Rizzo, Ivan Granatino, Nadia Grimaldi; Ivan Granatino e Paily.

A questo grande evento di sport ha partecipato anche l’assessore allo Sport del Comune di Napoli, Ciro Borriello:

Assessore Boriello sta per iniziare la partita del Sole,un altro evento a Napoli, per far risplendere di più la città di Napoli?

“Certamente, anche perchè il calcio dà la possibilità di mandare un significativo messaggio alla gente per affermare la Legalità e la Solidarietà che non sono valori da sottovalutare. Lo facciamo con i bambini delle scuole, con gli attori, i magistrati e gli ex calciatori. Tutti voglio essere testimone di un evento bello per la città e l’intera regione.”

I vincitori, a conclusione del triangolare, hanno ricevuto un premio realizzato dal maestro orafo, Gerardo Sacco.

servizio di Luigi Rubino ed Elio Guerriero

 

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook