Omicidio a Sarzana, caccia all’uomo che ha ucciso l’ex moglie

Omicidio a Sarzana, caccia all’uomo che ha ucciso l’ex moglie

1720523-carabinieriSARZANA – Una tragedia dai contorni ancora poco chiari si è consumata ieri sera, 13 agosto, in un’abitazione nei pressi di via Turì a Sarzana, in provincia di La Spezia. Ad aprire il fuoco contro Antonietta Romeo con tutta probabilità è stato l’ex marito, Salvatore Iemma, attualmente irreperibile. Intorno alle 22, dopo aver esploso un colpo di pistola che ha raggiunto la donna al petto, l’aggressore si è dileguato in auto, una Mazda di colore nero. Le ricerche dell’uomo, classe ’67, si sono estese nella confinante provincia di Massa-Carrara.

La coppia, di origine calabrese, sposata dal ’92 ma separata da circa un anno e mezzo, ha quattro figli maschi. In base ad una prima ricostruzione Iemma, ieri sera, si è presentato a casa dell’ex moglie; tra i due potrebbe essere nato un litigio alimentato da vecchi rancori o questioni di gelosia. Sta di fatto che nessuno tra i vicini si era accorto della situazione fino a che l’improvviso rumore di un colpo d’arma da fuoco ha insospettito gli abitanti della zona, compresi i genitori della vittima che alloggiano nelle vicinanze della loro figlia.

La donna non sarebbe morta sul colpo: il personale medico, giunto tempestivamente in loco insieme ai carabinieri, avrebbe infatti tentato di salvare Antonietta che versava in gravi condizioni in seguito all’offesa ricevuta. Nonostante la prontezza dei medici e i ripetuti tentativi di salvarle la vita, la quarantenne non ce l’ha fatta ed è spirata poco dopo il loro arrivo, troppo esteso il danno arrecato dal proiettile che le ha colpito il petto.

Sul luogo dell’omicidio è intervenuta anche la polizia scientifica, che sta ricercando elementi utili per chiarire meglio la dinamica dei fatti. Diverse pattuglie, intanto, stanno ricercando il fuggiasco da ieri sera, per adesso senza essere riuscite a scovarlo per interrogarlo e assicurarlo alla giustizia.

Davide Lazzini
14 agosto 2014

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook