Carciofi e uva nera: La dieta antirughe

Combattere l’invecchiamento della pelle, e le rughe, è una vera e propria ossessione per molte donne. Una dieta sana ed equilibrata sicuramente è in grado di aiutare l’elasticità della propria pelle, va ricordato però che ci sono degli alimenti in grado di favorire maggiormente il benessere dell’epidermide ed evitare le famigerate zampe di galline. Qual è dunque una valida dieta antirughe?

La Coldiretti durante l’evento “Biodomenica 2011” ha presentato una lista di prodotti in grado di proteggere il nostro corpo dai radicali liberi (che attaccano il corpo umano e favoriscono il danneggiamento e la degenerazione anche della pelle), noi di 2duerighe vi proponiamo la top ten di prodotti antirughe (come metro sarà usata la misura ORAC (Oxigen Radical Absorbance Capacity):

 

  1. carciofi (un carciofo per 9.828 unità ORAC);
  2. succo d’uva nera (un bicchiere per 5.216 unità ORAC);
  3. mirtilli (una tazza per 3.480 unità ORAC);
  4. pere (un frutto per 3.000 unità ORAC);
  5. melanzane (una bacca per 2.463 Rughe addio con carciofi e uvaunità ORAC);
  6. peperoni rossi (uno per  2.463 unità ORAC);
  7. spinacicotti (una porzione per 2.042 unità ORAC);
  8. cipolle rosse (una porzione per 1.900 unità ORAC);
  9. prezzemolo fresco (2 grammi per 1473 unità ORAC);
  10. Kiwi (un frutto per 1.220 unità ORAC).

Questi alimenti inseriti con il giusto equilibrio nella nostra dieta possono aiutare a creare uno scudo contro i radicali liberi ed evitare di conseguenza l’invecchiamento precoce della nostra pelle. La Coldiretti ha ricordato che per una dieta antirughe efficace dobbiamo assumere circa 2000 ORAC al giorno ed ha presentato varie ricette da cui poter trarre spunto come ad esempio un primo di riso integrale e polpettine di ceci (che contiene 24 mila unità ORAC) oppure pasta al sugo di carciofi e pomodoro, (che contiene 23 mila unità ORAC);  per i secondi possiamo mangiare scaloppine di maiale al sugo con cipolle rosse di Tropea (2.500 ORAC), o degli straccetti di pollo con verdure e aromi (2 mila ORAC).  A questo punto non mancano che i contorni, ad esempio mangiando i spinaci ripassati in padella si possono assumere 4.500 ORAC, con una tartare di verdure preparata con peperone rosso, sedano bianco, cipolla, pane raffermo, zenzero, aceto balsamico e insalata invece se ne assumono ben 3 mila ORAC.  Per i più golosi non mancano il dolce in grado di fornire le giuste quantità di ORAC, uno fra tutti può essere la classica crostata con ricotta e prugne fresche (8mila ORAC).

 

di Alessandra Cetronio

 

10 ottobre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook