Giuseppe Pisacane: Crocifixus, una prova d’attore e di fede

di Daniela Lombardi

Giuseppe Pisacane  ha dato  una splendida prova d’attore nella  sacra rappresentazione “ Crucifixus”, che  vuole portare lo spettatore a riflettere sul sacrificio della croce, interpretato non come strumento di tortura ma di redenzione.
Partendo da questa riflessione, il testo ne è l’espressione concreta: la sua strutturazione teatrale è basata su due parametri letterari, la lettura del messaggio di Cristo e le testimonianze di chi “ vive la croce” nel nostro quotidiano, tra gli emarginati e i sofferenti, tra grida inascoltate dall’ottusità umana.

Ma tra questi cosidetti “ ultimi” troviamo chi ha deciso di abbracciare la sua Croce e vedere nel sorriso di un nostro fratello più debole, la certezza della presenza del Crucifixus che si è immolato e si è rivestito di luce, illuminando i nostri occhi di vita eterna.
Il giovane attore si sente onorato di rappresentare la figura di Cristo ,  in questo spettacolo Una prova che lo  mette  di fronte all’immensità della fede e al miracolo della Resurrezione.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook