Parco Sigurtà: un paradiso che sembra lontano

Credo capiti spesso di non accorgersi di qualsivoglia monumento, angolo o panorama che a volte la frenesia e le distrazioni giornaliere ci portano a non notare nemmeno, e come quasi per incanto, appena qualcuno ce le fa semplicemente notare, veniamo presi in difetto.

E’ come se d’improvviso ci svegliassimo e con un solo consiglio cominciassimo a guardare e non semplicemente a vedere. Questa piccola differenza che ci viene spesso naturale, dovrebbe essere curata ed indirizzata nel giusto verso, per fare ciò la comunicazione mediatica sta in maniera prorompente interagendo e segnando un valico importante, specialmente in questo periodo dove “l’oppio” maggiore potrebbe essere proprio l’uso della tecnologia, che noi oggi vi invitiamo a tralasciare per una sola domenica.

Ed è proprio tramite questo genere di comunicazione che noi vogliamo arrivare a voi e far notare una meraviglia che va assolutamente osservata e certamente non di sfuggita. Parliamo di una delle più belle realtà naturalistiche del mondo, Il Parco Giardino Sigurtà . Un’oasi di pace che si estende per 600.000 metri quadrati, con numerose varietà floreali, scorci suggestivi, panorami mozzafiato e tagliato da uno dei fiumi più importanti d’Italia, il Mincio (VR).

Visitare il Parco Sigurtà è sempre un’esperienza che arricchisce gli occhi e lo spirito, grazie anche alle diverse proposte di visita che incontrano i gusti e le esigenze di tutti. Ci si può infatti concedere una rilassante passeggiata tra Bossi e specchi d’acqua oppure, per essere più comodi, scegliere tra i golf-cart elettrici, dotati del sistema di rilevamento satellitare GPS, e i divertenti trenini panoramici (che percorrono l’Itinerario degli Incanti, percorso di 7,5 km, 30 minuti circa). I più sportivi, invece, possono percorrere questo angolo di verde con la propria bicicletta o noleggiandone una direttamente all’entrata; mentre chi vuole conoscere la storia e tutte le curiosità sul Giardino può salire a bordo dello shuttle elettrico, per una visita personalizzata di circa un’ora in compagnia di una delle esperte guide del Parco.

Le meraviglie che si possono incontrare con lo sguardo variano da alberi secolari a giardini curatissimi dove infatti sono presenti le Cinque Grandi Fioriture (in ordine cronologico Tulipani, Iris, Rose, Ninfee ed Aster), la Meridiana Orizzontale, l’Eremo, la Grande Quercia, il Giardino delle Piante Officinali, il Grande Tappeto Erboso, i diciotto laghetti fioriti, il Belvedere di Giulietta e Romeo, il Labirinto, la nuova attrazione della stagione 2011. Senza dimenticare i 40.000 Bossi, vere e proprie sculture viventi dall’aspetto surreale, frutto della Natura e della sapiente mano dell’uomo.

Con l’arrivo dell’autunno la direzione del parco ha deciso di proporre visite organizzate e tematiche sicuramente fuori dai normali canoni; avendo la fortuna di curare qualcosa di unico al mondo, di certo non si può che sbizzarrirsi con idee frizzanti ed innovative. La prima sarà una sorpresa per i più piccoli, infatti domenica 28 ottobre il tema sarà dedicato alla vicina ricorrenza di Halloween.  Così i bambini potranno camuffarsi da streghette e maghetti, vivendo a pieno in natura e conoscendo da vicino tutte le meraviglie del parco. Essendo i protagonisti di una giornata che segnerà sicuramente i cuccioli sia a livello salutare che nozionistico. Non tralasciando il dettaglio che gli educatori si prenderann.

Per partecipare al laboratorio dedicato ai bambini è necessario iscriversi presso la biglietteria del Parco la domenica mattina. Saranno organizzate due sessioni, la prima alle ore 11.00 e la seconda alle ore 14.00 e ciascuna avrà la durata di due ore. Ogni gruppo sarà formato da massimo 25 partecipanti e le attività si svolgeranno nelle vicinanze della Fattoria di Tà. Pagando il biglietto di ingresso (ragazzi 5-14 anni: euro 6,00; adulti: euro 12,00) si avrà diritto a partecipare gratuitamente al laboratorio.

Domenica 4 novembre 2012, invece, a fronte dell’acquisto del biglietto di ingresso, si avrà diritto a partecipare gratuitamente alla visita guidata. Per partecipare è necessario iscriversi presso la biglietteria del Parco direttamente la domenica mattina. Saranno organizzati due gruppi, ciascuno composto da un massimo di 50 partecipanti: un gruppo partirà alle ore 11.00 e l’altro alle ore 14.00 e ciascuna visita (passeggiata) Durerà circa un’ora e mezza.

Noi della redazione 2DueRighe, ci ripromettiamo di poter vivere questa colorata e profumata esperienza, augurando di poter dare un imput positivo a chi magari solo a parole vuole vivere in maniera sana ed è abituato a vedere e non a guardare. Vicino a noi, proprio dietro l’angolo, abbiamo delle bellezze uniche che spesso ci passano inosservate. Ricordatevi che allenare i sensi, e soprattutto la vista è importante, siamo in Italia, di cose belle ce ne sono veramente tante.

 

Antonio Provitina
22 ottobre 2012

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook